Archive pour janvier, 2011

una foto interessante : Don Bosco con Orchestra, 1870

una foto interessante : Don Bosco con Orchestra, 1870 dans immagini sacre

http://www.santiebeati.it/

Publié dans:immagini sacre |on 31 janvier, 2011 |Pas de commentaires »

Cane della prateria (roditori)

Cane della prateria (roditori) dans animali ed animaletti 131718631-media-12f79c28-6604-4dd5-98b7-bc42acb4253e

cane della prateria
Questi carismatici roditori, delle stesse dimensioni dei conigli, vivono nelle praterie e radure del Nord America, in numero ormai inferiore rispetto al passato. I cani della prateria vivono sottoterra, in vasti labirinti di tane e gallerie, i cui …
(seguito sul sito)

http://www.nationalgeographic.it/natura/11/

Publié dans:animali ed animaletti |on 30 janvier, 2011 |Pas de commentaires »

I lemuri del Madagascar rischiano l’estinzione per colpa della crudeltà umana

I lemuri del Madagascar rischiano l'estinzione per colpa della crudeltà umana dans animali (sugli) lemurimadagascar

http://www.ecoblog.it/post/9248/i-lemuri-del-madagascar-rischiano-lestinzione-per-colpa-della-crudelta-umana

Publié dans:animali (sugli) |on 28 janvier, 2011 |Pas de commentaires »

shoah painting of David Olère – Auschwitz Survivor (27 gennaio, giornata della memoria)

shoah painting of David Olère - Auschwitz Survivor (27 gennaio, giornata della memoria) dans SHOAH

http://isurvived.org/TOC-VI.html

Publié dans:SHOAH |on 27 janvier, 2011 |Pas de commentaires »

GATTO DI ROMA

GATTO DI ROMA dans immagini gatto
http://www.sleepingrome.com/blog/category/fotografie/lang-pref/it/

Publié dans:immagini |on 25 janvier, 2011 |Pas de commentaires »

STORIA DEI GATTI DI ROMA

dal sito:

http://guide.supereva.it/roma/interventi/2009/08/storia-dei-gatti-di-roma

STORIA DEI GATTI DI ROMA

Il primo rinvenimento di un gatto è avvenuto, sotto forma di scheletro, accanto a quello del suo probabile padrone, in una tomba di Cipro datata tra gli anni 8300 e 8000 a.C.
La presenza del gatto in Italia è testimoniata dal ritrovamento di monete del 500 a.C. in cui i fondatori di importanti colonie come Taras e Rhegion (le attuali Taranto e Reggio Calabria) erano raffigurati con un gatto.
Da qui giunsero alla Roma Imperiale, ed il gatto domestico ebbe la definitiva affermazione e consacrazione.
Nella Roma Antica il gatto rappresentava un compagno di vita terrena ed anche in quella oltre la morte.
In questo periodo storico molteplici sono i nomi propri o i cognomi con etimologia derivante dalla parola “gatto”: Felicula, Felicla (gattina o micina), Cattus, Cattulus (gatto, gattino).
Alcuni reparti dell’esercito romano sugli scudi recavano come simbolo gatti di colori differenti.
I Greci identificavano la dea Bastet con la loro dea Artemide, anch’essa protettrice di partorienti e fanciulli e Signora degli Animali.
L’introduzione nell’Impero Romano del culto di Bastet, poi identificata con la dea Iside, rafforzò nei romani il culto del gatto sacro.
In ogni città infatti vi era un tempio dedicato alla dea, detto Serapeum.
A Roma venne istituito un tempio che sorgeva dove oggi si trova la chiesa di Santo Stefano del Cacco, nel rione Pigna, qui venne rinvenuta la piccola statua della gatta che ancora oggi si può ammirare su un cornicione di Palazzo Grazioli, in Via della Gatta.
Nel Medioevo il gatto venne associato agli eretici, alle streghe e ai demoni, quindi per molto tempo il gatto venne bruciato sul rogo delle streghe, sacrificato nei riti e torturato.
Il gatto nero fu segnalato nel 1233 da Papa Gregorio IX come la reincarnazione di Satana e più tardi, nel 1484, Papa Innocenzo VIII scomunicò tutti i gatti e decretò che fossero bruciati tutti quelli trovati insieme alle streghe.
Solo nel Rinascimento il gatto domestico venne rivalutato dalla Chiesa tanto che il cardinale Richelieu lasciò parte della propria eredità ai suoi gatti.
Il gatto riacquistò il suo posto nel mondo e divenne l’ornamento dei salotti; dame ed ammiratori si facevano ritrarre nei quadri in loro compagnia ed alla morte del gatto costruivano tombe con relative iscrizioni o sonetti.
Alla fine dell’Ottocento si è talmente appassionati di questo felino un tempo maltrattato, che si organizzano le prime mostre ed esposizioni feline, si cominciano a stabilire gli standard delle diverse razze.
Il gatto ha iniziato ad essere amato come nel suo lontano passato, non è più considerato sacro come allora, ma è prima di tutto rispettato.
Nel Novecento i gatti di Roma furono alimentati a spese del Comune con razioni di trippa, ma in seguito l’insufficienza delle risorse suggerì dei tagli al bilancio da qui il detto “Nun c’è trippa pé gatti!”.
Oggi a Roma i gatti sono amati ed accuditi in colonie feline dalle “gattare”, che ogni giorno impiegano tempo e passione per portare cibo e cure agli animali.

Publié dans:gatti, Roma |on 25 janvier, 2011 |Pas de commentaires »

domani, 25 gennaio, è la festa della Conversione di San Paolo Apostolo, che io amo molto, così…

posto l’Inno alla carità ed una immagine, ossia prima l’immagine e poi l’inno:

domani, 25 gennaio, è la festa della Conversione di San Paolo Apostolo, che io amo molto, così... dans immagini e testi 16%20CRANACH%20LOUVRE%20ST%20PAUL

Saint Paul : Auteur Cranach Lucas (l’Ancien)

http://www.artbible.net/Jesuschrist_fr.html

SAN PAOLO APOSTOLO INNO ALLA CARITÀ

(ICorinzi 13,1-13;)

Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sono come un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna. 2 E se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri e tutta la scienza, e possedessi la pienezza della fede così da trasportare le montagne, ma non avessi la carità, non sono nulla. 3 E se anche distribuissi tutte le mie sostanze e dessi il mio corpo per esser bruciato, ma non avessi la carità, niente mi giova. 4 La carità è paziente, è benigna la carità; non è invidiosa la carità, non si vanta, non si gonfia, 5 non manca di rispetto, non cerca il suo interesse, non si adira, non tiene conto del male ricevuto, 6 non gode dell`ingiustizia, ma si compiace della verità. 7 Tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta. 8 La carità non avrà mai fine. Le profezie scompariranno; il dono delle lingue cesserà e la scienza svanirà. 9 La nostra conoscenza è imperfetta e imperfetta la nostra profezia. 10 Ma quando verrà ciò che è perfetto, quello che è imperfetto scomparirà. 11 Quand`ero bambino, parlavo da bambino, pensavo da bambino, ragionavo da bambino. Ma, divenuto uomo, ciò che era da bambino l`ho abbandonato. 12 Ora vediamo come in uno specchio, in maniera confusa; ma allora vedremo a faccia a faccia. Ora conosco in modo imperfetto, ma allora conoscerò perfettamente, come anch`io sono conosciuto. 13 Queste dunque le tre cose che rimangono: la fede, la speranza e la carità; ma di tutte più grande è la carità

Publié dans:immagini e testi, SAN PAOLO APOSTOLO |on 24 janvier, 2011 |Pas de commentaires »

Lioness, Botswana

Lioness, Botswana  dans BIG CATS (dal 24/1/11) lioness-stretching_611_600x450

http://animals.nationalgeographic.com/animals/photos/big-cats/#

Publié dans:BIG CATS (dal 24/1/11) |on 24 janvier, 2011 |Pas de commentaires »

un cane con il suo gatto…ops…un gatto con il suo cane…

un cane con il suo gatto...ops...un gatto con il suo cane... dans cani...CANI ????? 3657516371_2e67b61255

http://blog.ebruni.it/blog/tag/gatto

Publié dans:cani...CANI ?????, gatti |on 19 janvier, 2011 |Pas de commentaires »

Oggi vi presento UN BEL GATTONE

Oggi vi presento UN BEL GATTONE dans gatti medium_5a

http://iosonomia.fotoblog.it/archive/2008/06/16/un-bel-gattone.html

Publié dans:gatti |on 14 janvier, 2011 |Pas de commentaires »
12

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...