Archive pour la catégorie 'poesie mie'

troverai la strada per venire da me, amore mio Rudy?

troverai la strada per venire da me, amore mio Rudy? dans poesie mie

(Rudy 2010, 16 anni)

mi manchi ancora micio mio, Rudy
tesoro della casa, unico al mondo
come tutti della tu specie,
« amore cambio casa, mi ritroverai? »,
stupidamente, mi sono domandata,
« come faccio a dirgli dove vado? »
« forse mi cercherai per Roma »
e non hai conosciuto la strada
ho pensato, stupidamente,
ma il tuo piccolo cuore, il tuo amore
troverà il luogo, la casa, il tuo posto
tra le mie braccia, ancora un poco
in questo mondo, per accompagnarmi
nell’altro, so che sarai il primo 
che incontrerò, perché assolutamente
innocente…amore mio!

Publié dans:poesie mie, Rudy |on 19 février, 2017 |Pas de commentaires »

Chiodi di luce

chiodi di luce 

nell’ora buia

dove il respiro 

manca,

brilla la vita

contro la fonte

la violenza 

ruggente,

dal crocifisso

emana nuovo

chiarore 

su noi

la storia stanca

sfiorita oppressa

riemerge

e sorge

 

riedificata, redenta

 

Publié dans:poesie mie |on 7 octobre, 2014 |Pas de commentaires »

sulla Vespa di papà

sulla Vespa di papà dans foto fatte da me modello+di+vespa+anni+%2750%2C+come+quella+di+pap%C3%A0

(foto mia, è un modellino che ho a casa, anni ’50, come la Vespa di papà)

modello anni 50,  usata

come quella di papà, 

quanto sono stata felice,

come è stato bello,

mi sentivo importante

allora, sulla Vespa

pochi l’avevano;

una bambina

della mia età

emozionata sedeva

davanti a me, ma dietro

stavamo nel sellino

strette, un piccolo giro;

un giorno un viaggetto

per i paesi, i « Castelli »

intorno Roma,

non lo dimenticherò, 

comperavamo il pranzo

ma in realtà mangiavamo 

il giorno dopo quello

del giorno prima,

un po’ secco, 

un sapore straordinario,

arrivati ad un lago,

io mi spogliai, e 

in mutande mi buttai

nell’acqua, papà

non aveva ancora

sistemato la Vespa 

parcheggiato…

cancellerei mille 

ricordi, per un giorno

ancora…

con la Vespa di papà

Publié dans:foto fatte da me, poesie mie |on 30 mai, 2013 |Pas de commentaires »

ciao micio, ciao Rudino, ti scrivo una poesia:

ciao micio, ciao Rudino,
ti scrivo una poesia:

come un angioletto
dormi e ronfi un po’
zampette ciondoloni
fori della cuccetta
perché tu sei un Birmano,
lungo lungo;
(dorme in posizioni strane
per un gatto perché le zampe
 sono più lunge del normale)
ora che sei…vecchietto
sei il più dolce dei mici,
quanto sei carino
quando mi chiedi di cambiarti
l’acqua venti volte al giorno
(te dico!)
quanto sei simpatico
quando ti vai a scegliere
la bustina o la scatoletta
tra una trentina che sono
pronte per te
(ehm!)
un amore di micio
quando, nello stanzino
tiri giù tutte le coperte
(messe a posto)
per scegliertene una
per quel pomeriggio
(mmmm)
un angioletto di micio
quando la sera
mentre guardo la televisione
tranquilla in poltrona
ti infili dietro di me
(e io non mi posso appoggiare)

imparo da te la fiducia negli altri
quanto tu vieni da me e
chiedi, anzi pretendi, qualcosa,
perché ti fidi di me, e sai
più di me, che cosa è l’amore

amore di micio nero

firmato: la mamma

Publié dans:poesie mie, Rudy |on 3 mai, 2010 |Pas de commentaires »

l’origine dei sogni, (poesia mia, 9 novembre 2008)

l’origine dei sogni,

 

come una verità

- raccolta -

dal cestino delle paure

come una speranza,

- accantonata -

e ritrovata, come perla preziosa

come un immagine lontana

- confiscata -

al cuore malandrino

come al bimbo che eravamo,

- strappata dall’oblio –

nel grembo materno

 

Publié dans:poesie mie |on 10 novembre, 2008 |Pas de commentaires »

a Paolo, Apostolo dell’Amore

a Paolo, Apostolo dell’Amore

traspare il mondo

persona conosciuta

entra ed esce

nel cammino del tempo;

chi sei visitatore?

rimani ad ascoltare

le nostre voci imperfette

da dove tutto è compiuto?

ti conosco, sei tu

che hai viaggiato,

per terra e per mare,

tribolazioni e naufragi;

mediterraneo in fuga

ti parla del dolore,

dei tempi conosciuti,

e ti conduce alla meta,

naufragio e poi a Roma,

ti attendono le genti,

ti aspettano quei cristi,

è preparato il martirio;

Apostolo dell’Amore. 

Gabriella

8 giugno 2008

Publié dans:poesie mie |on 9 juin, 2008 |Pas de commentaires »

VENITE A ME (1.3.08)

VENITE A ME 

(1.3.08) 

 

hai risposto Signore 

alle mute domande 

ai pensieri spezzati 

alle fragili gioie 

 

luce improvvisa e spazio 

orizzonte d’abbraccio 

sereno respiro 

che entra nel seno 

 

silenzio percuote 

rumore scomposto 

parole spezzate 

di bimbo che chiama: 

 

« venite a me che sono mite ed umile di cuore »

Gabriella 

 

 

 

Publié dans:poesie mie |on 1 mars, 2008 |Pas de commentaires »

Finestra Aperta

Finestra Aperta 

27.2.08

  finestra aperta 

movimento di luce 

vibrante nota perfetta  vacillante gattino d’un ora: 

dolce latte materno 

i tempi, le storie 

gli amori non nati  i sogni perduti 

tenerezze  sfiorate: 

dolce mano sicura 

pellegrinaggio  cammino di vite 

lanciate nel cielo  i piedi adagiati: 

su un manto di stelle

Gabriella 

Publié dans:poesie mie |on 27 février, 2008 |Pas de commentaires »

AL MIO GATTO, A RUDY

l’ho scritta ieri notte, per il  mio bel micio:

AL MIO GATTO, A RUDY 

 

Come dolce sei, 

mio piccolo amore, 

quanto mi ami; 

cuore di piccolo felino, 

quanta dolcezza, 

quanta cura per me; 

 

tu mi ascolti, 

comprendi 

quello che non sai, 

senza paura, 

ti senti figlio, 

ti senti capo di casa; 

 

mi segui ovunque, 

ti fai seguire dove vuoi, 

sei una piccola luce 

nelle tenebre 

di qualche giorno triste 

calore dove c’è freddo; 

 

sei una piccola creatura, da Dio Amore pensata e teneramente formata; 

 

Gabriella (la mamma) 

 

12 Novembre 200/ 

 

 

Publié dans:poesie mie |on 12 novembre, 2007 |Pas de commentaires »

questa poesia l’ho scritta io l’altra notte, la posto perché so che siete comprensivi con me (sennò chissà quante me ne avreste dette!)

L’Universo intero annunzia il suo amore

 

un acuto e lontano suono

di misteriosi strumenti,

affascina e turba,

sconosciuto invocare

stranamente vicino;

 

come se l’universo intero

annunciasse il suo essere

il suo proprio amore,

suoni diversi, differenti linguaggi,

una sola Parola: Dio è amore;

 

perché dubitare?

è tanto bello sapere

che Uno ci ama,

che il Creatore

si preoccupa per noi;

 

come una madre il figlio,

più che una madre il figlio,

un amore inestinguibile

un amore saggio,

un amore folle;

 

una pazzia,

come la più  saggia

delle ragioni,

che altro,

ma lo sappiamo:

l’amore,

che altro?

 

 

Publié dans:poesie mie |on 11 octobre, 2007 |Pas de commentaires »
12

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...