Archive pour la catégorie 'Li grandi de Roma'

« Er zagrifizzio d’Abbramo » di Gioacchino Belli

mi sono  imbattuta in una poesia romanesca del Belli, la posto, non è di facile lettura, ho qualche difficoltà anche io, però mi sembra bella:

http://www.roma-o-matic.com/poesie.php3?cod_ric=97

Er zagrifizzio d’Abbramo 

Gioacchino Belli

La Bibbia, ch'è una spece d'un'istoria,  

Dice che ttra la prima e ssiconn'arca  

Abbramo vorze fà da bon patriarca  

N'ojocaustico a Dio sur Montemoria.  

  

Pijò dunque un zomaro de la Marca,  

Che ssenza comprimenti e ssenza boria,  

Stava a pasce er trifojo e la cicoria  

Davanti a casa sua come un monarca.  

  

Poi chiamò Isacco e disse: "Prepara una fascina,  

Pija er marraccio, carca er zomarello,  

Chiama er garzone, infilete er corpetto,  

  

Saluta mamma, cercheme er cappello;  

E annamo via, perché Dio benedetto  

Vò un zagrifizzio che nun pòi sapello".  

II  

Doppo fatta un boccon de colazzione  

Partirno tutt'e quattro a giorno chiaro,  

E camminorno sempre in orazzione  

Pe quarche mijo ppiù der centinaro.  

  

"Semo arrivati: alò", disse er vecchione,  

"Incollete er fascetto, fijo caro":  

Poi, vortannose in là, fece ar garzone:  

"Aspettateme qui voi cor zomaro".  

  

Saliva Isacco, e diceva: "Papà,  

Ma diteme, la vittima indov'è ?"  

E lui j'arisponneva: "Un po' ppiù in là".  

  

Ma quanno finarmente furno sù,  

Strillò Abbramo ar fijolo: "Isacco, a tte,  

Faccia a tterra: la vittima sei tu".  

III  

"Pacenza", dice Isacco ar zu' padraccio,  

Se butta s'una pietra inginocchione,  

E quer boja de padre arza er marraccio  

Tra cap'e collo ar povero cojone.  

  

"Fermete, Abbramo: nun calà quer braccio",  

Strilla un Angiolo allora da un cantone:  

"Dio te vorze provà co sto setaccio..."  

Bee, bee... Chi è quest'antro! è un pecorone.
  

Inzomma, amici cari, io già sso' stracco  

D'ariccontavve er fatto a la distesa.  

La pecora morì: fu sarvo Isacco:  

  

E quella pietra che m'avete intesa  

Mentovà ssur più bello de l'acciacco,  

Sta a Roma, in Borgo-novo, in d'una chiesa.  

Publié dans:Li grandi de Roma |on 19 novembre, 2007 |Pas de commentaires »

Trilussa: Er sogno bello

TRILUSSA 

 Er sogno bello- Macchè! – je disse subbito er dottore -
Qui nun se tratta mica d’anemia!
E’ gravidanza, signorina mia:
soliti incertarelli de l’amore! -
Pe’ Mariettina fu ‘na stretta ar core:
- So’ rovinata! Vergine Maria!
Madonna santa, fate che nun sia!
Nun potrei sopportà ‘sto disonore! -

Ma appena vidde ch’era proprio vero
corse da Nino. – Nun è gnente! – dice -
Se leveremo subbito er pensiero.

Ce vo’ la puncicata. Domattina
te porto da ‘na certa levatrice
che già l’ha fatto a un’antra signorina. -

II

La sera Mariettina agnede a letto
coll’occhi gonfi e con un gnocco in gola,
e s’anniscose sott’a le lenzola
pe’ piagne zitta, senza da’ sospetto.

Poi pijò sonno e s’insognò un pupetto
che je diceva: « Se te lascio sola,
povera mamma mia, chi te consola
quanno t’invecchierai senza un affetto? »

E, sempre in sogno, je pareva come
se er fijo suo crescesse a l’improviso
e la baciava e la chiamava a nome…

Allora aperse l’occhi adacio adacio
e s’intese una bocca, accanto ar viso,
che la baciava co’ lo stesso bacio.

III

Era la madre. – Mamma, mamma bella! -
E se la strense ar petto. – Amore santo!
Che t’insognavi che parlavi tanto
e facevi la bocca risarella?

Però ciai l’occhi come avessi pianto…
Dimme? che t’è successo? – E pe’ vedella
più mejo in faccia, aprì la finestrella
e fece l’atto de tornaje accanto.

S’intese un fischio. – Mamma! questo è lui
che sta aspettanno sotto l’arberata…
Dije che vada pe’ li fatti sui.-

Anzi faje capì che se l’onore
se pò sarvà con una puncicata
preferisco de dajela ner core. 

dal sito: 

http://crea.html.it/sito/poesiaromanesca/2.htm

Publié dans:Li grandi de Roma |on 31 août, 2007 |Pas de commentaires »

GIGI PROIETTI

GIGI PROIETTI dans Li grandi de Roma gigi_proietti_06

scusate non ricordo dove ho preso la foto, chi la riconosce può scrivere l’indirizzo

Publié dans:Li grandi de Roma |on 23 juillet, 2007 |Pas de commentaires »

UN PENSIERO A GIGI PROIETTI, E AUGURI!!!!

UN PENSIERO A GIGI PROIETTI E AL SUO TEATRO, STA A DIECI MINUTI DA CASA MIA….MA COME JE VENUTO IN MENTE, GIGI E’ ER PIÙ DE ROMA, METTO UN SONETTO DE GIGI PROJETTI DEDICATO AD ALBERTO SORDI, QUANDO E’ MORTO:

Gigi Proietti: Ad Alberto

Io so’ sicuro che nun sei arivato

ancora da San Pietro in ginocchione;

a mezza strada te sarai fermato

a guardà ‘sta fiumana de perzone.

Te rendi conto si cch’hai combinato?

Questo è amore sincero, è commozzione,

rimprovero perchè te ne sei annato,

rispetto vero: tutto pe’ Albertone.

Starai dicenno: « Ma che state a ffà?

Ve vedo tutti tristi, ner dolore ».

E ciai raggione! Tutta la città

sbrilluccica de lagrime e ricordi!

Chè tu nun sei sortanto un granne attore,

tu ssei tanto de ppiù: sei Alberto Sordi!

Alberto Sordi

Roma, 15/6/1920 – 24/2/2003

Publié dans:Li grandi de Roma |on 23 juillet, 2007 |Pas de commentaires »

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...