Archive pour avril, 2015

LA PREGHIERA DEL PAGLIACCIO

http://www.atma-o-jibon.org/italiano4/preghiera_pagliaccio.htm

LA PREGHIERA DEL PAGLIACCIO

Signore, sono un fallito, però ti amo,
ti amo terribilmente, pazzamente,
che è poi l’unica maniera che ho di amare
perché sono solo un pagliaccio.
Sono tanti anni che sto nelle tue mani,
presto verrà il giorno in cui volerò da Te.
La mia bisaccia è vuota,
i miei fiori appassiti e scoloriti,
solo il mio cuore intatto.
Mi spaventa la mia povertà
però mi consola la tua tenerezza.
Sono davanti a Te come una brocca rotta,
però con la mia stessa creta
puoi farne un’altra come ti piace.
Signore, cosa ti dirò
quando mi chiederai il conto?
Ti dirò che la mia vita umanamente
è stata un fallimento,
che ho volato molto in basso.
Signore,
accetta l’offerta di questa sera!
La mia vita, come un flauto,
è piena di buchi;
ma prendila nelle tue mani divine.
Che la tua musica passi attraverso di me
e sollevi i miei fratelli, gli uomini,
che sia per loro ritmo e melodia,
che accompagni il loro camminare,
allegria semplice
dei loro passi stanchi.

(da un manoscritto spagnolo) 

Publié dans:immagini sacre |on 30 avril, 2015 |Pas de commentaires »

una « Dalia » speciale per voi, buona serata, buona notte, ciao…

una
http://wallpaper-tadka.com/2014/01/17/unusual-rose-flower/

sul tema della creazione, mi stupisco sempre quanta immaginazione, visiva, artistica, si trovi su questo tema, sembra come sparito dalla nostra vita quotidiana e dai nostri pensieri, ed invece, ecco, di nuovo delle bellissime pitture

 

sul tema della creazione, mi stupisco sempre quanta immaginazione, visiva, artistica, si trovi su questo tema, sembra come sparito dalla nostra vita quotidiana e dai nostri pensieri, ed invece, ecco, di nuovo delle bellissime pitture  dans immagini per contemplare 20%20LALIBERTE%20AU%20COMMENCEMENT%20DIEU%20CREA

http://www.artbible.net/1T/Gen0101_1Chaos_light/pages/20%20LALIBERTE%20AU%20COMMENCEMENT%20DIEU%20CREA.htm

nel post l’hanno definito « un gatto dormiglione », non è bellissimo? assomiglia al mio Rudy!

nel post l'hanno definito

http://fos-ilaron.blogspot.it/2011/02/un-gatto-dormiglione.html

Publié dans:a-mici, gatti, gatti carini carini |on 8 avril, 2015 |Pas de commentaires »

QUESTO AMORE – JACQUES PREVERT

http://www.donboscoland.it/articoli/articolo.php?id=537

QUESTO AMORE – JACQUES PREVERT

Jacques Prevert nasce a Neuilly-sur-Seine nel 1900 ed è uno dei poeti francesi più popolari del XX secolo. Giovanissimo conosce André Breton, Raymond Queneau e i surrealisti ed entra a far parte di questo gruppo, interessato dall’arte populista. La sua fama è dovuta alla produzione poetica, dove Prévert dà libero corso all’immaginazione insolita in uno stile vicino alla lingua parlata e alla vita quotidiana. I suoi temi preferiti sono l’amore, la libertà, il sogno e la fantasia…

Questo amore

Questo amore
Cosi violento
Cosi fragile
Cosi tenero
Cosi disperato
Questo amore
Bello come il giorno
E cattivo come il tempo
Quando il tempo è cattivo
Questo amore cosi vero
Questo amore cosi bello
Cosi felice
Cosi gaio
E cosi beffardo
Tremante di paura come un bambino al buio
E cosi sicuro di sé
Come un uomo tranquillo nel cuore della notte
Questo amore che impauriva gli altri
Che li faceva parlare
Che li faceva impallidire
Questo amore spiato
Perché noi lo spiavamo
Perseguitato ferito calpestato ucciso negato dimenticato
Perché noi l’abbiamo perseguitato ferito calpestato ucciso negato dimenticato
Questo amore tutto intero
Ancora cosi vivo
E tutto soleggiato
E tuo
E mio
E stato quel che è stato
Questa cosa sempre nuova
E che non è mai cambiata
Vera come una pianta
Tremante come un uccello
Calda e viva come l’estate
Noi possiamo tutti e due
Andare e ritornare
Noi possiamo dimenticare
E quindi riaddormentarci
Risvegliarci soffrire invecchiare
Addormentarci ancora
Sognare la morte
Svegliarci sorridere e ridere
E ringiovanire
Il nostro amore è là
Testardo come un asino
Vivo come il desiderio
Crudele come la memoria
Sciocco come i rimpianti
Tenero come il ricordo
Freddo come il marmo
Bello come il giorno
Fragile come un bambino
Ci guarda sorridendo
E ci parla senza dir nulla
E io tremante l’ascolto
E grido
Grido per te
Grido per me
Ti supplico
Per te per me per tutti coloro che si amano
E che si sono amati
Sì io gli grido
Per te per me e per tutti gli altri
Che non conosco
Fermati là
Là dove sei
Là dove sei stato altre volte
Fermati
Non muoverti
Non andartene
Noi che siamo amati
Noi ti abbiamo dimenticato
Tu non dimenticarci
Non avevamo che te sulla terra
Non lasciarci diventare gelidi
Anche se molto lontano sempre
E non importa dove
Dacci un segno di vita
Molto più tardi ai margini di un bosco
Nella foresta della memoria
Alzati subito
Tendici la mano
E salvaci.

Jacques Prevert nasce a Neuilly-sur-Seine nel 1900 ed è uno dei poeti francesi più popolari del XX secolo. Giovanissimo conosce André Breton, Raymond Queneau e i surrealisti ed entra a far parte di questo gruppo, interessato dall’arte populista. Nel 1928 si discosta da questi e frequenta il Groupe Octobre, una compagnia teatrale di sinistra.
La sua fama è però dovuta alla produzione poetica, dove Prévert dà libero corso all’immaginazione insolita in uno stile vicino alla lingua parlata e alla vita quotidiana. I suoi temi preferiti sono l’amore, la libertà, il sogno e la fantasia, la compassione, l’umorismo, la satira contro i potenti, l’avversità per l’oppressione sociale.
Tra le sue raccolte di versi di maggiore successo, Parole (1945), La pioggia e il bel tempo (1955), Alberi (1976); in Italia sono state pubblicate, oltre a queste, varie antologie come Le foglie morte (dal titolo di una sua celebre poesia), Poesie d’amore e Poesie.
Muore a Parigi nel 1977.

Publié dans:POESIE, poesie di autori vari |on 6 avril, 2015 |Pas de commentaires »

Buona Pasqua a tutti

3444273700_54682d521a

Publié dans:immagini sacre |on 4 avril, 2015 |Pas de commentaires »

The Three Marys at the Tomb by Peter von Cornelius, c. 1820

The Three Marys at the Tomb by Peter von Cornelius, c. 1820 dans immagini sacre Peter_von_Cornelius_-_The_Three_Marys_at_the_Tomb_-_WGA05274

http://www.catholicvote.org/the-culture-of-life-is-a-culture-of-motherhood/

Publié dans:immagini sacre |on 3 avril, 2015 |Pas de commentaires »

LA DISCESA AGLI INFERI DEL SIGNORE – ANTICA OMELIA SUL SABATO SANTO

http://www.vatican.va/spirit/documents/spirit_20010414_omelia-sabato-santo_it.html

LA DISCESA AGLI INFERI DEL SIGNORE

Da un’antica « Omelia sul Sabato santo ». (PG 43, 439. 451. 462-463)

« Che cosa è avvenuto? Oggi sulla terra c’è grande silenzio, grande silenzio e solitudine. Grande silenzio perché il Re dorme: la terra è rimasta sbigottita e tace perché il Dio fatto carne si è addormentato e ha svegliato coloro che da secoli dormivano. Dio è morto nella carne ed è sceso a scuotere il regno degli inferi.
Certo egli va a cercare il primo padre, come la pecorella smarrita. Egli vuole scendere a visitare quelli che siedono nelle tenebre e nell’ombra di morte. Dio e il Figlio suo vanno a liberare dalle sofferenze Adamo ed Eva che si trovano in prigione.
Il Signore entrò da loro portando le armi vittoriose della croce. Appena Adamo, il progenitore, lo vide, percuotendosi il petto per la meraviglia, gridò a tutti e disse: « Sia con tutti il mio Signore ». E Cristo rispondendo disse ad Adamo: « E con il tuo spirito ». E, presolo per mano, lo scosse, dicendo: « Svegliati, tu che dormi, e risorgi dai morti, e Cristo ti illuminerà.
Io sono il tuo Dio, che per te sono diventato tuo figlio; che per te e per questi, che da te hanno avuto origine, ora parlo e nella mia potenza ordino a coloro che erano in carcere: Uscite! A coloro che erano nelle tenebre: Siate illuminati! A coloro che erano morti: Risorgete! A te comando: Svegliati, tu che dormi! Infatti non ti ho creato perché rimanessi prigioniero nell’inferno. Risorgi dai morti. Io sono la vita dei morti. Risorgi, opera delle mie mani! Risorgi mia effige, fatta a mia immagine! Risorgi, usciamo di qui! Tu in me e io in te siamo infatti un’unica e indivisa natura.
Per te io, tuo Dio, mi sono fatto tuo figlio. Per te io, il Signore, ho rivestito la tua natura di servo. Per te, io che sto al di sopra dei cieli, sono venuto sulla terra e al di sotto della terra. Per te uomo ho condiviso la debolezza umana, ma poi son diventato libero tra i morti. Per te, che sei uscito dal giardino del paradiso terrestre, sono stato tradito in un giardino e dato in mano ai Giudei, e in un giardino sono stato messo in croce. Guarda sulla mia faccia gli sputi che io ricevetti per te, per poterti restituire a quel primo soffio vitale. Guarda sulle mie guance gli schiaffi, sopportati per rifare a mia immagine la tua bellezza perduta.
Guarda sul mio dorso la flagellazione subita per liberare le tue spalle dal peso dei tuoi peccati. Guarda le mie mani inchiodate al legno per te, che un tempo avevi malamente allungato la tua mano all’albero. Morii sulla croce e la lancia penetrò nel mio costato, per te che ti addormentasti nel paradiso e facesti uscire Eva dal tuo fianco. Il mio costato sanò il dolore del tuo fianco. Il mio sonno ti libererà dal sonno dell’inferno. La mia lancia trattenne la lancia che si era rivolta contro di te.
Sorgi, allontaniamoci di qui. Il nemico ti fece uscire dalla terra del paradiso. Io invece non ti rimetto più in quel giardino, ma ti colloco sul trono celeste. Ti fu proibito di toccare la pianta simbolica della vita, ma io, che sono la vita, ti comunico quello che sono. Ho posto dei cherubini che come servi ti custodissero. Ora faccio sì che i cherubini ti adorino quasi come Dio, anche se non sei Dio.
Il trono celeste è pronto, pronti e agli ordini sono i portatori, la sala è allestita, la mensa apparecchiata, l’eterna dimora è addobbata, i forzieri aperti. In altre parole, è preparato per te dai secoli eterni il regno dei cieli ». »

Orazione
O Dio eterno e onnipotente, che ci concedi di celebrare il mistero del Figlio tuo Unigenito disceso nelle viscere della terra, fa’ che sepolti con lui nel battesimo, risorgiamo con lui nella gloria della risurrezione. Egli è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

A cura dell’Istituto di Spiritualità:
Pontificia Università S. Tommaso d’Aquino

 

Publié dans:OMELIE, Pasqua |on 3 avril, 2015 |Pas de commentaires »

Domani è Venerdì Santo, metto questa immagine di Gesù nell’Orto degli ulivi, semplice e bella, vero?

Domani è Venerdì Santo, metto questa immagine di Gesù nell'Orto degli ulivi, semplice e bella, vero? dans immagini sacre I%20stazione

http://www.santamariagorettimestre.it/I%20stazione.html

Publié dans:immagini sacre |on 2 avril, 2015 |Pas de commentaires »

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...