Archive pour la catégorie 'poesie mie'

poesia mia di oggi: Ammutoliscono le luci della città

Ammutoliscno le luci della città

evanescenti luci della città

scompaiono all’arrivo

della notte

al silente roteare

delle stelle

colmi d’amore,

vibranti gli astri,

accecante passione

volteggia di colori

arcobaleno di inquieto

trepido bene

danza intorno al Dio

innamorato che,

come fanciullo tende

le braccia

all’amore, a noi,

imperfetti

Gabriella

Publié dans:poesie mie |on 16 septembre, 2007 |Pas de commentaires »

poesia mia a Papa Benedetto, ora, ore 1,43

Ti porto nel cuore Papa Benedetto 

11.9.07 (1,43) 

ti porto nel cuore  Papa Benedetto ti porto nel grembo 

fanciullo

innocente; 

Come Maria suo figlio 

fai sbocciare un fiore, nella mia indegnità 

d’un antico seno; 

Quale dono Signore! nasce dal seno di Maria 

gemello Benedetto Innocente, piccolo fratello 

del Dio incolpevole; 

dignità superna del Figlio dell’Altissimo 

e un amore infinito ti avvolge, dal cuore 

dall’amore incolpevole 

e dalla colpa amante

Gabriella 

Publié dans:Papa Benedetto, poesie mie |on 10 septembre, 2007 |Pas de commentaires »

poesia mia: La Madonnella davanti casa mia

LA MADONNELLA DAVANTI CASA MIA – 7.8.07

Davanti casa mia

 ‘na Madonnella,

sapete, quella

der Divino Amore,

lucette accese

fiori sistemati,

‘n’anima pia

provvede;

quann’esco er pensiero mio

nun s’indirizza

la dove sta Lei,

va alle cose da comprà,

a quelle da pagà,

a pijamme ‘n caffè,

poch’artro;

però la Madre pia, la Madre mia,

nun se scorda de me:

se tiro avanti

me sento che se gira

a guardamme e me soride:

“penso puro a te fijola mia!”

 

Gabriella

Publié dans:poesie mie |on 8 août, 2007 |Pas de commentaires »

poesia mia: Al tocco della campana del Santo

Al tocco della campana del Santo

1.8.07

Lunga solitudine

Svanita in un rovo

Di cicalecci,

Come uccelli

Sognanti

comunicano

Verità;

Apparente riposo

Di durezze gradite,

Sciolte al primo

Soffondesi

Di sorrisi

Conosciuti

E inattesi;

Carezze sopraggiunte,

Presenti sconosciute,

Percepite

Al primo tocco

della campana

del Santo:

Alla Cena perenne.

Gabriella

Publié dans:poesie mie |on 1 août, 2007 |Pas de commentaires »

Il Crocifisso sotto casa mia

Il Crocifisso sotto casa mia

 tre moccoletti ho acceso

ar crocifisso d’una cappelletta

de  ’na chiesa sotto casa mia,

Gesù, ch’era crocifisso,

me pareva che me soridesse,

poi ‘na voce che veniva de lassù,

me diceva piano piano:

vedi sto qua e aspetto

che quarcuno venga

a trovà sto poveraccio appeso

che, ricorda, ‘n cielo sta,

chiunque vié

anche se me guarda

e nun me dice gnente

ma me soride so felice,

come nel giorno del primo mattino,

e, quanno, come vedi,

t’ho restituito a Dio,

a Papà mio;

poi, senza complimenti,

me se fa vicino;

 Gabriella

Publié dans:poesie mie |on 25 juillet, 2007 |Pas de commentaires »

poesia mia di stanotte: « Notturno »

NOTTURNO 20.7.07

 

Il blu scorre

Come gocce

Di rugiada

Sul viso

Degli assenti

Dei pensanti

Degli sciocchi

Dei sapienti,

Tempo punteggiato

Di pensieri vaganti

Di sogni repressi

Di angeli incantati,

Tremanti, riconoscenti,

Il tempo sembra andare

Trasandato e saggio,

notturno,

Gabriella

Publié dans:poesie mie |on 20 juillet, 2007 |Pas de commentaires »

Notte calda dell’Antica Roma (robba mia)

ieri sera, ossia ieri notte, ho scritto una poesia, sapete le mie sono poesie…così, cerco di esprimere quello che sento, ho il gusto di farlo, ma non valgono molto, mi manca qualcosa per scrivere meglio, forse sono troppo realista, comunque la posto:

Notte calda dell’Antica Roma 

 

Calda è la notte 

Dalla finestra 

Angeli blu 

Sfiorano 

La scala di stelle, 

Si posano 

Sulla città 

 

Un essere 

Azzurro 

Seduto 

Vicino a me, 

Dolce 

Purezza 

Amante 

 

“Sogno di 

Una notte 

Di mezz’estate”, 

Vera presenza 

Nella notte 

Calda della 

Antica Roma 

Publié dans:poesie mie |on 12 juillet, 2007 |Pas de commentaires »

una poesia mia: « Infinità di un giorno

ogni tanto scrivo qualche poesia, ma non perchè ritengo di saperle scrivere, ma nella ricerca di un linguaggio per esprimere i pensieri, ve ne propongo una, ma ne ho scritte diverse:

22.12.05

infinità di un giorno
infinità di un giorno
senza interrotto tremore,
ha tentato invano
la convergenza di opposte
seduzioni;

è stato come un lungo slancio
di un’avventura incominciata
come una catena, come uno chapelet
che ritorna su se stesso
sempre infinitamente nuovo;

si muove nelle mie dita
e gira il tutto innocente
« Ave Maria », « Pater »
« Gloria » e litanie
salgono al cielo

infinità di un momento
il tempo e il senza tempo
corre verso le sperate
mete di un lancinante amore:
dolore e tenerezza.
 

Publié dans:poesie mie |on 26 juin, 2007 |Pas de commentaires »
12

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...