Archive pour la catégorie 'poesia romanesca'

Trilussa: « Er Cieco »

du site: 

http://www.roma-o-matic.com/poesie.php3?cod_ric=60ER CECO 

Trilussa

  

Su l'archetto ar cantone de la piazza,  

ar posto der lampione che c'è adesso,  

ce stava un Cristo e un Angelo de gesso  

che reggeva un lumino in una tazza.  

  

Più c'era un quadro, indove una regazza  

veniva libberata da un'ossesso:  

ricordo d'un miracolo successo,  

sbiadito da la pioggia e da la guazza.  

  

Ma una bella matina er propietario  

levò l'archetto e tutto quer che c'era,  

pe' dallo a Spizzichino l'antiquario.  

  

Er Cristo agnede in Francia, e l'Angeletto  

lo prese una signora forestiera  

che ce guarnì la cammera da letto.  

  

E adesso l'Angeletto fa er gaudente  

in una bella cammeretta rosa,  

sculetta e ride nella stessa posa  

coll'ale aperte, spensieratamente.  

  

Nun vede più la gente bisognosa  

che je passava avanti anticamente,  

dar vecchio stroppio ar povero pezzente  

che je chiedeva sempre quarche cosa!  

  

Nemmanco j'aritorna a la memoria  

quer ceco c'ogni giorno, a la stess'ora,  

je recitava la giaculatoria:  

  

nemmeno quello! L'Angeletto antico  

adesso regge er lume a la signora  

e assiste a certe cose che nun dico!  

  

Er ceco camminava accosto ar muro  

pe' nun pijà de petto a le persone,  

cercanno co' la punta der bastone  

ch'er passo fusse libbero e sicuro.  

  

Nun ce vedeva, poveraccio, eppuro,  

quanno sentiva de svortà er cantone  

ciancicava la solita orazzione  

coll'occhi smorti in quell'archetto scuro.  

  

Perchè, s'aricordava, da cratura  

la madre je diceva: - Lì c'è un Cristo,  

preghelo sempre e nun avè paura...  

  

E lui, ne li momenti de bisogno,  

lo rivedeva, senza avello visto,  

come una cosa che riluce in sogno...  

  

Da cinque mesi, ar posto der lumino  

che s'accenneva pe' l'avemmaria,  

cianno schiaffato un lume d'osteria  

cor trasparente che c'è scritto: Vino.  

  

Ma er ceco crede sempre che ce sia  

er Cristo, l'Angeletto e l'artarino,  

e ner passà se ferma, fa un inchino,  

recita un paternostro e rivà via...  

  

L'ostessa, che spessissimo ce ride,  

je vorebbe avvisà che nun c'è gnente,  

ma quanno è ar dunque nun se sa decide.  

  

- In fonno, - pensa - quann'un omo prega a  

Iddio lo pò sentì direttamente  

senza guardà la mostra de bottega.  

Publié dans:poesia romanesca |on 18 janvier, 2008 |Pas de commentaires »

di Giuseppe Gioacchin Belli: LA BONA FAMIJA (Roma, 28 novembre 1831)

di Giuseppe Gioacchino Belli, poeta romanesco,  c’è la traduzione perché è un po’ difficile anche per chi è romano;

http://mp_pollett.tripod.com/roma-b2i.htm

 

LA BONA FAMIJA

Mi’ nonna, a un’or de notte che viè ttata
Se leva da filà, povera vecchia,
Attizza un carboncello, ciapparecchia,
E maggnamo du’ fronne d’inzalata.

Quarche vorta se famo una frittata,
Che ssi la metti ar lume ce se specchia
Come fussi a ttraverzo d’un’orecchia:
Quattro noce, e la cena è terminata.

Poi ner mentre ch’io, tata e Crementina
Seguitamo un par d’ora de sgoccetto,
Lei sparecchia e arissetta la cucina.

E appena visto er fonno ar bucaletto,
‘Na pisciatina, ‘na sarvereggina,
E, in zanta pace, ce n’annamo a letto.

Roma, 28 novembre 1831

LA BUONA FAMIGLIA

Mia nonna, alle otto di sera 1 quando viene papà,
Si alza dal filare, povera vecchia,
Attizza un piccolo carbone, apparecchia per noi,
E mangiamo due foglie d’insalata.

Qualche volta ci facciamo una frittata,
Che se la metti alla luce è trasparente
Come guardando attraverso un’orecchia:
Quattro noci, e la cena è terminata.

Poi mentre io, papà e Clementina
Seguitiamo per un paio d’ore a bevicchiare,
Lei sparecchia e rassetta la cucina.

E appena visto il fondo al boccaletto,
Una minzione, una Salve Regina,
E, in santa pace, ce ne andiamo a letto.

Roma, 28 novembre 1831

1. – Un’ora dopo l’Ave Maria, che si recitava
alle 19:15 in estate e alle 18:15 in inverno,
quindi oggi diremmo attorno alle 20.

Publié dans:poesia romanesca |on 17 octobre, 2007 |Pas de commentaires »

TRILUSSA + Bolla de sapone

dal sito:

http://crea.html.it/sito/poesiaromanesca/2.htm

 TRILUSSA  Bolla de sapone

Lo sai ched’è la Bolla de Sapone?
l’astuccio trasparente d’un sospiro.
Uscita da la canna vola in giro,
sballottolata senza direzzione,
pe’ fasse cunnalà come se sia
dall’aria stessa che la porta via.

Una farfalla bianca, un certo giorno,
ner vede quela palla cristallina
che rispecchiava come una vetrina
tutta la robba che ciaveva intorno,
j’agnede incontro e la chiamò: – Sorella,
fammete rimirà! Quanto sei bella!
Er celo, er mare, l’arberi, li fiori
pare che t’accompagnino ner volo:
e mentre rubbi, in un momento solo,
tutte le luci e tutti li colori,
te godi er monno e te ne vai tranquilla
ner sole che sbrilluccica e sfavilla.-

La bolla de Sapone je rispose:
- So’ bella, sì, ma duro troppo poco.
La vita mia, che nasce per un gioco
come la maggior parte de le cose,
sta chiusa in una goccia… Tutto quanto
finisce in una lagrima de pianto.

Publié dans:poesia romanesca |on 17 août, 2007 |Pas de commentaires »

La candela – Trilussa

La candela 

Trilussa 

 

Davanti ar Crocifisso d'una Chiesa 

una Candela accesa 

se strugge da l'amore e da la fede. 

Je dà tutta la luce, 

tutto quanto er calore che possiede, 

senza abbadà se er foco 

la logra e la riduce a poco a poco. 

Chi nun arde nun vive. Com'è bella 

la fiamma d'un amore che consuma, 

purchè la fede resti sempre quella ! 

Io guardo e penso. Trema la fiammella, 

la cera cola e lo stoppino fuma...
 
dal sito:
 
http://www.roma-o-matic.com/poesie.php3?cod_ric=37 
Publié dans:poesia romanesca |on 13 juillet, 2007 |Pas de commentaires »
12

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...