XIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A) (28/06/2020)

https://www.qumran2.net/parolenuove/commenti.php?mostra_id=49565

XIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO A) (28/06/2020)

Un amore assurdo
don Mario Simula

La Parola di Dio, oggi Pasqua della settimana, si presenta come un dono umile, quasi dimesso. Sembra che non voglia sconvolgere la nostra vita. Eppure, se la osserviamo attentamente, troviamo nel suo annuncio un tesoro inestimabile per la nostra vita interiore e comunitaria.
Gesù, se facciamo attenzione, si presenta come il centro focale della vita dell’umanità. Lui, il Primo e l’Ultimo. Lui, pane di vita, vino che inebria la vita.
Guardando negli occhi le nostre comunità e le nostre persone, non ha paura di dirci che se amiamo padre, madre, fratelli e sorelle più di lui, non siamo degni di lui.
Che senso ha questa affermazione categorica e apparentemente misteriosa?
Gesù ci ricorda che la sommità dell’amore, la sommità della vita, è lui se lo mettiamo al primo posto. Se lui diventa l’unica ragione della nostra esistenza, l’amore radicale che sperimentiamo verso la sua Persona inevitabilmente trabocca sugli gli altri e diventa amore per il padre, per la madre, per le sorelle e i fratelli.
Quando mettiamo Gesù al primo posto, Lui, il Signore, ci sta già dando la pienezza del suo amore e il centuplo. Questa ricchezza si diffonde e contagia tutti attorno a noi. Contagia tutta la nostra vita.
Con la stessa forza Gesù non ha paura a dirci che chi conserva gelosamente la propria esistenza, i propri beni personali e li vuole riservare solo per se stesso, sta sprecando l’immenso capitale di bontà che Dio ha posto dentro di lui.
Chi è veramente in grado di conservare sempre e totalmente la sua vita? Chi riesce a donarla.
E’ meraviglioso il messaggio di Gesù: “Più voi donate voi stessi e più raccogliete un supplemento inestimabile di vita”. Così ha fatto Lui. Si è offerto totalmente, si è abbassato fino all’umiliazione più incomprensibile. Il Padre lo ha esaltato. Quando Gesù ci chiede di perdere la vita per gli altri, ci sta assicurando che la troveremo tutta intera più ricca, più preziosa, più utile, più feconda.
Se la certezza del messaggio di Gesù entra nelle nostre ossa, saremo pronti a prendere la nostra croce per seguirlo lungo quella strada, nella quale condividiamo la fatica dello stesso peso. Troveremo la familiarità con Gesù. Diventeremo degni di lui. Saremo suoi intimi. Saremo suoi commensali.
Non a caso, ancora una volta, Gesù richiama come un’anticipazione lo straordinario messaggio dell’amore concreto e quotidiano che lui metterà davanti ai nostri occhi e alle nostre scelte. Dare da mangiare all’affamato. Dare da bere all’assetato. Vestire chi è nudo. Consolare chi piange.
Oggi ci propone quel cammino: “Se avrete dato da bere anche solo un bicchiere d’acqua fresca ad uno solo di questi piccoli, non perderete la vostra ricompensa. Non si saranno impoverite le vostre sorgenti, diventeranno inesauribili per appagare la tanta sete che vi circonda”.
Gesù ha fatto questo. Paolo lo dice con tutta la passione che la morte e la resurrezione di Cristo suscitava in lui. Ci dice con forza che dobbiamo morire con Cristo, perdere la nostra vita per risorgere con Cristo, per ritrovare la nostra vita.
Questo è l’andamento vertiginoso dell’avventura di Gesù in mezzo a noi. Dobbiamo comprenderlo, se vogliamo seguirlo, se vogliamo amarlo. Diventa chiaro, allora, il canto stupendo alla vita illuminata da Gesù, e che oggi viene intonato dalla Parola di Dio. Accoglierlo per noi diventa essere profeti nel suo nome. Persone che in cambio di un’ospitalità gratuita ricevuta da parte di chi ha il cuore semplice, sanno promettere una vita sicura nel nome del Signore.

Gesù, è veramente subdola e sottile la tentazione di voler ammuffire in una vita gretta, riservata tutta per noi e alla quale nessuno di quelli che ci circondano hanno accesso.
Per le nostre comunità tu sei un messaggio e un testimone controcorrente. Fino a sconvolgerci.
Non esiti a dirci, Gesù, che il nostro amore unico sei Tu! Tutti gli altri amori: quelli più intimi e familiari, quelli sponsali, quelli che nascono dalle relazioni, esistono perché sono fecondati dalla sovrabbondanza dell’amore per te.
Gesù, se noi ti diamo tutto l’amore, riceveremo il centuplo, ma sapremo, allo stesso tempo, ridonarlo fuori di ogni misura.
Gesù, guida ciascuno di noi sulla strada della croce.
Insegnaci a comprendere che l’unica sequela che possiamo vivere è la sequela di chi, prendendo la sua croce, viene dietro ai tuoi passi.
Se le nostre comunità, Gesù, non hanno il coraggio di scegliere la strada del dono gratuito, coraggioso, faticoso a volte, doloroso spesso, ti perdono sicuramente di vista.
L’unico sentiero sicuro sei tu!
Lo sei anche quando ci chiedi di buttarci nel vuoto, spendendo tutto di noi stessi, perché abbiamo sempre la sicurezza fiduciosa e amorosa che nulla andrà perso. Nemmeno il piccolo gesto di amore, di attenzione, di tenerezza che riserviamo ai piccoli, agli ultimi, agli invisibili.
Tutto nelle tue mani si trasforma in dono. Ed è questa la nostra meraviglia: nelle tue mani le nostre comunità sono un dono.

Don Mario Simula

Publié dans : OMELIE, OMELIE DOMENICALI |le 27 juin, 2020 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...