POESIE ROMANESCHE – TRILUSSA – LA SINCERITÀ

http://www.romainrima.it/online/?cat=417

POESIE ROMANESCHE – TRILUSSA – LA SINCERITÀ

La sincerità

M’aricorderò sempre che mi’ nonno, / pe famme pijà sonno,
me diceva la favola de quello / ch’annava in cerca de sincerità.
Io, però, m’addormivo sur più bello
che nimmanco arivavo a la metà.
Tutta quanta la favola nun era / che la storia de Gnocco:
un pastorello / ch’uscì de notte per annà ar Castello /
de la gente sincera; ma arivato a lo svorto d’una strada /
incontrava ‘na povera vecchietta / che je diceva: “Abbada,
tiè sempre d’occhio quer lumino verde
che riluce, sbrilluccica e se perde
co la stella der cèlo più vicina… / e cammina, cammina…
Però, si nun sei pratico, / passi un momento critico,
cor Cignale politico / e er Gatto dipromatico.
Nun te fidà dell’Omo / ch’accomoda l’idea,
seconno la livrea /che porta er maggiordomo.
E abbada all’Orco Rosso /che fa er vocione grosso:
abbada all’Orco Nero / perché nun è sincero;
abbada all’Orco Bianco /perché nun è mai franco.
Per cui, pe èsse certo, / de chi te s’avvicina,
tiè sempre un occhio aperto / e cammina, cammina …
E Gnocco camminava, Dio sa quanto,
tutta la notte fino a la matina, / fra l’Orchi e fra le Streghe:
ogni momento / trovava un tradimento…
Com’annava a finì? Già ve l’ho detto:
prima ch’er pastorello / arivasse ar Castello,
m’addormivo, finché mi’ nonno me metteva a letto.
Purtroppo, puro adesso, / si vado in cerca de sincerità
me succede lo stesso: / e come ne la favola de nonno,
pur’io vedo un lumino, / lontano, in fonno in fonno…
E cammino, cammino, / finché casco dar sonno.

Trilussa

Publié dans : poesia romanesca |le 20 février, 2017 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire