Archive pour octobre, 2014

Grandi Felini/Ozelot

http://it.wikibooks.org/wiki/Wikijunior_Grandi_felini/Ozelot

Grandi Felini/Ozelot

L’ocelot, o Leopardus pardalis o ozelot o ocelotto o anche gattopardo americano è un animale da pelliccia, di carattere solitario.

Indice
1 Che aspetto ha?
2 Dove vive
3 Che cosa mangia e come caccia le sue prede?
4 Come alleva i cuccioli?
Che aspetto ha?
Raggiunge una lunghezza di 145 cm, la coda è lunga fino a 41 cm e pesa 16 kg. Il corpo è di colore giallo-arancio, ricoperto di macchie nere, che al centro del corpo hanno il centro arancione. Il ventre è più chiaro del resto del corpo.

Dove vive
Distribuzione geografica dell’ocelot
Vive in un’area che va dagli Stati Uniti meridionali fino al Sud dell’Argentina È un animale che si adatta a vari habitat, come le Ande, le foreste monsoniche tropicali e temperate, zone di palude ed habitat aperti (savana, pampa, prateria, ecc.).

Che cosa mangia e come caccia le sue prede?
Si nutre di piccoli mammiferi (ad esempio aguti, paca, tatù, opossum, piccoli pecari e piccoli cervidi selvatici), di uccelli (ad esempio hocco e agami), pesci e tartarughe. Preda tendendosi imboscato, poi salta addosso alla preda uccidendola con un morso al collo. Può cacciare a terra, in acqua e sugli alberi.

Come alleva i cuccioli?
La gestazione dura 80 giorni, per un massimo di 4 cuccioli.

Publié dans:gattoni...cioè...felini |on 5 octobre, 2014 |Pas de commentaires »

San Francesco D’Assisi

San Francesco D'Assisi dans immagini sacre Francesco-7p

http://www.franciscanum.it/en/third-order-regular/

 

Publié dans:immagini sacre |on 4 octobre, 2014 |Pas de commentaires »

4 OTTOBRE 2014: SAN FRANCESCO D’ASSISI : PREGHIERA DI LODE E RINGRAZIAMENTO

SAN FRANCESCO D’ASSISI : PREGHIERA DI LODE E RINGRAZIAMENTO

Onnipotente, santissimo, altissimo, sommo Dio,
Padre santo e giusto,
Signore Re del cielo e della terra,
ti rendiamo grazie per il fatto stesso che tu esisti,
ed anche perché con un gesto della tua volontà,
per l’unico tuo Figlio e nello Spirito Santo,
hai creato tutte le cose visibili ed invisibili
e noi, fatti a tua immagine e somiglianza,
avevi destinato a vivere felici in un paradiso
dal quale unicamente per colpa nostra
siano stati allontanati.

E ti rendiamo grazie, perché,
come per il Figlio tuo ci creasti,
così a causa del vero e santo amore
con il quale ci hai amati,
hai fatto nascere lo stesso vero Dio e vero uomo
dalla gloriosa sempre vergine beatissima santa Maria
e hai voluto che per mezzo della croce,
del sangue e della morte di lui
noi fossimo liberati dalla schiavitù del peccato.

E ti rendiamo grazie, perché
lo stesso tuo Figlio ritornerà nella gloria
della sua maestà,
per mandare nel fuoco eterno
gli empi che non fecero penitenza
e non vollero conoscere il tuo amore
e per dire a quelli che ti conobbero,
adorarono, servirono
e si pentirono dei loro peccati.

Venite Benedetti del Padre mio:
entrate in possesso del regno
che è stato preparato per voi,
fin dalla creazione del mondo! (Mt. 25, 34).
E poiché noi, miseri e peccatori,
non siamo nemmeno degni di nominarti
ti preghiamo e ti supplichiamo,
perché il Signore nostro Gesù Cristo,
il Figlio che tu ami
e che a te basta sempre e in tutto,
per il quale hai concesso a noi cose così grandi,
insieme con lo Spirito Santo Paraclito,
ti renda grazie per ogni cosa
in modo degno e a te gradito.

E umilmente preghiamo in nome del tuo amore
la beatissima Maria sempre vergine,
i beati Michele, Gabriele, Raffaele
e tutti gli angeli,
i beati Giovanni Battista e Giovanni evangelista,
Pietro e Paolo,
i beati patriarchi, profeti, innocenti,
apostoli, evangelisti, discepoli,
martiri, confessori, vergini,
i beati Elia ed Enoc,
e tutti i santi che furono, che sono e che saranno,
perché, come essi possono fare,
rendano grazie a te,
per tutto il bene che ci hai fatto,
o sommo Dio, eterno e vivo,
con il Figlio tuo diletto,
Signore nostro Gesù Cristo
e con lo Spirito Paraclito
nei secoli dei secoli.
Amen.

Publié dans:preghiere, SAN FRANCESCO D'ASSISI |on 4 octobre, 2014 |Pas de commentaires »

Van Gogh, La vigna rossa, 1888, Museo Puškin, Mosca

Van Gogh, La vigna rossa, 1888, Museo Puškin, Mosca dans IMMAGINI D'AUTORE Red-Vineyard

Publié dans:IMMAGINI D'AUTORE |on 3 octobre, 2014 |Pas de commentaires »

OMELIA XXVII DOMENICA DEL T.O.

http://www.lachiesa.it/calendario/Detailed/20141005.shtml

OMELIA 

Totustuus

NESSO TRA LE LETTURE
Le letture di questa domenica ci presentano l’immagine della vigna. Una vigna che simbolizza Israele, amato e assistito da Dio, ma che, tristemente, non produce i frutti che Dio si aspettava e che sapeva – poiché l’ha coltivata con amore – che essa poteva dargli: questo è il tema su cui riflettere in questa domenica. La prima lettura ci mostra il poema dell’ »amico diletto » e della sua vigna. Con parole piene di trasporto, il poema ci presenta il padrone della vigna, prodigo di attenzioni, che ne dissoda il terreno, toglie di mezzo tutte le pietre, edifica una torre, vi pianta buone viti e scava un tino. Questo uomo ama la sua vigna, e si aspetta che essa dia buoni frutti, ma invece riceve uve selvatiche, acerbe, e che non maturano mai. L’uomo ha ragione di lamentarsi, e si domanda con animo affranto: cosa avrei potuto fare di più per la mia vigna che già non ho fatto? Niente, certamente. Aveva usato tutti i mezzi all’epoca noti per coltivare una vite eccellente (prima lettura). Nel vangelo torna nuovamente il tema della vite, in una specie di allegoria: il padrone della vite l’affida ad alcuni lavoratori e se ne va. Invia, dopo qualche tempo, i suoi ambasciatori per raccogliere i frutti, ma i vignaioli maltrattano gli inviati e, quando vedono venire il figlio, prendono la decisione di ucciderlo. Anche qui, il padrone della vigna non viene ricambiato del suo sollecito affetto per la vigna: i vignaioli non producono i frutti che il padrone si aspettava. In entrambi i casi, l’argomento dei frutti che Dio attende da Israele e dagli uomini è posto in speciale rilievo: l’uomo ha ricevuto molto da Dio e deve produrre frutti di vita eterna, di santità vera, di carità sincera (Vangelo). Da parte sua, Paolo, nella lettera ai Filippesi, continua la sua esposizione e li esorta a tenere in conto tutto quello che è vero, nobile, giusto e li invita a realizzare opere buone (seconda lettura).

MESSAGGIO DOTTRINALE
Dio ama e cura la sua vigna. Il poema della vigna è uno dei brani più sorprendenti del profeta Isaia. In esso risalta, senza dubbio, il linguaggio poetico e la forma letteraria. Il profeta fa comprendere al popolo d’Israele che Dio si è preso cura di loro, gli ha riservato un amore speciale, si è preoccupato della sua crescita e, tuttavia, il popolo non ha corrisposto a tale amore. Israele non è stato fedele al suo amore. La domanda che il padrone della vigna si pone assume un tono straziante: « che cosa dovevo fare ancora alla mia vigna che io non abbia fatto? ». Sembra quasi di poter addentrarci nel cuore stesso di Dio, che ama Israele. In cosa ha mancato Dio al suo amore? Si è allontanato dal suo popolo? L’ha abbandonato di fronte alle difficoltà? Non è forse vero che, nonostante tutte le prove che Israele ha passato, il Signore gli è stato sempre vicino? Davvero Dio è fedele alle sue promesse, e mai ha lasciato che un giusto venisse defraudato.
Sorprendentemente la vigna non dà buoni frutti. Questa vigna, nonostante la cura accorta del vignaiolo, che è il Signore degli eserciti, non prospera, non dà frutto, non dà uve dolci; dà uve immature e aspre. Si tratta certamente di un’allegoria, perché in realtà, non si può accusare una vigna di non voler produrre frutti. Tuttavia, gli uditori del profeta comprendono che la vigna rappresenta Israele, e che il vignaiolo non è altri che lo stesso Signore. Nonostante Israele sia stato curato come un figlio, malgrado sia stato liberato, benché il Signore l’avesse scelto come il popolo di sua proprietà, Israele non produce frutti di salvezza. È sorprendente vedere la profonda tristezza del vignaiolo e, contemporaneamente, la sua fermezza di fronte alla vigna improduttiva. Egli verrà e la devasterà, la lascerà desolata. Nella parabola del vangelo i colpevoli della mancanza di frutti sono gli agricoltori, che ricevono la vigna in affitto. Sono persone senza scrupoli, gente che non serve la vigna, bensì si serve di essa per il proprio profitto. Non cercano modi per arricchire la vigna e offrire al padrone il meritato frutto, ma tentano invece di strappare la vigna al suo padrone. Nel loro cuore non c’è amore per la vigna, né amore per il padrone della vigna, bensì solo amore per se stessi. Il loro interesse è approfittarsi il più possibile di quella vigna, perciò, vedendo venire gli inviati che chiedono i frutti, si agitano, li picchiano, li massacrano. Qualsiasi cosa si frapponga tra il loro benessere e il miglior sfruttamento della vigna a proprio favore, va eliminata. Poi, quando vedono venire il figlio, cioè quando hanno l’opportunità di riconciliarsi col Padre, di offrire frutti, di rispettare il diritto, questi uomini tramano il crimine più crudele, sopprimere il figlio per accaparrarsi l’eredità e la proprietà. Quei vignaioli non erano solo ladri, bensì omicidi. Erano persone senza anima e senza cuore. Le parole finali della parabola sono drammatiche: il padrone della vigna la farà finita con quei vignaioli, e offrirà la sua vigna ad altri che produrranno frutti.
Il poema di Isaia e la parabola di Gesù pongono in rilievo l’importanza del produrre frutto. Nel primo caso, è la vigna che non ha prodotto ciò che ci si aspettava da lei. Nel secondo caso, sono i vignaioli omicidi che non consegnano i frutti dovuti al padrone. Il tema spirituale è importante: Dio offre all’uomo molteplici doni: la vita, la fede, la vocazione professionale, familiare, religiosa, sacerdotale… e il Signore aspetta una risposta da parte dell’uomo, desidera alcuni frutti di santità, e spera che questi si trasformi interiormente, producendo frutti di apostolato per il bene dei suoi fratelli. È un tema profondo, che richiede riflessione e un esame della propria condotta di vita.
Il cristiano deve dare buoni frutti. Il cristiano è una persona « innestata » in Cristo attraverso il battesimo, perciò, deve dare frutti di vita eterna. Come il Padre ha inviato Cristo nel mondo a realizzare la missione redentrice, così Cristo invia i cristiani, specialmente gli apostoli, a compiere la loro missione. Non sempre i frutti del cristiano sono manifesti o immediati, ma non si può dubitare che l’anima che resta unita a Cristo, come il tralcio rimane unito alla vite, a suo tempo produrrà frutti. Il Signore ci ha inviati affinché produciamo frutti, e affinché i nostri frutti durino a lungo. In ciò Dio è glorificato: quando noi diamo frutto. Ci rendiamo, dunque, conto che il nostro dovere non è banale nella storia della salvezza. Abbiamo assicurato l’aiuto e il potere di Dio e, pertanto, non dobbiamo dubitare che, se siamo fedeli e rimaniamo uniti alla vite che è Cristo, i frutti arriveranno. Coltiviamo con cura la nostra vigna, impariamo ad accogliere gli acquazzoni imprevisti affinché, a suo tempo, possiamo produrre il nostro frutto per Dio.

SUGGERIMENTI PASTORALI
Avere coscienza dei doni di Dio e della premura del tempo. Questa domenica ci invita a fare una riflessione sul tempo e sui doni che Dio ci ha concesso nell’arco della nostra vita. A volte ci rendiamo meglio conto del tempo che passa, che la nostra vita invecchia con noi e, quando vogliamo verificare i frutti che abbiamo dato per il bene del mondo, della Chiesa e delle anime, riscontriamo solo risultati molto esigui. Cosa è successo? Abbiamo sfruttato con intelligenza e buona volontà i talenti ricevuti? O abbiamo vissuto come una « vigna » distratta, senza renderci conto che la nostra missione era di produrre uve dolci? O abbiamo vissuto come i vignaioli, che pensavano più a se stessi che all’amore del padrone della vigna? Il tempo continua a passare, ma finché c’è vita, c’è speranza di conversione, di trasformazione. Quante sono le persone che, incontrando Madre Teresa, o visitando la sua casa a Calcutta, hanno scoperto, fissando gli occhi di quei poveri moribondi, che potevano e dovevano fare qualcosa per dar davvero senso alle loro vite. Non aspettiamo domani per fare questa scoperta. Rendiamoci conto che Dio si aspetta molto da noi. Siamo la sua vigna, la sua vigna preferita, ed Egli si rallegra ed è glorificato, quando noi produciamo molto frutto.
I frutti sono in relazione con la docilità all’azione di Dio. Orbene, per dar frutto è necessario esser docili al piano di Dio. Ognuno di noi ha la sua propria vocazione, ed è stato messo in un posto ben preciso nella Chiesa. Ognuno, dunque, ha una missione personale ed intrasferibile. Non possiamo svolgerla in un modo qualsiasi o secondo il nostro capriccio. Il successo della fecondità spirituale affonda le sue radici nell’obbedienza al Progetto di Dio, come si vede dalle vite dei santi. Il segreto sta nell’identificarsi con Cristo ubbidiente, che soffre e offre la sua vita in riscatto per la salvezza degli uomini. La fecondità spirituale passa sempre attraverso la croce e il dolore. Chiunque voglia essere fecondo fuggendo da questa legge di salvezza, sbaglierà sempre, e un giorno resterà amaramente deluso. « Senza effusione di sangue non c’è redenzione ».

Publié dans:OMELIE |on 3 octobre, 2014 |Pas de commentaires »

Angelo Custode, Pietro da Cortona

Angelo Custode, Pietro da Cortona dans immagini sacre 640px-Cortona_Guardian_Angel_01
http://en.wikipedia.org/wiki/Guardian_angel

Publié dans:immagini sacre |on 1 octobre, 2014 |Pas de commentaires »

GLI ANGELI, UN PONTE TRA EBRAISMO E CRISTIANESIMO – DI PADRE FRÉDÉRIC MANNS OFM

http://www.terrasanta.net/tsx/articolo-rivista.jsp?wi_number=2781&wi_codseq=TS1101

ALLE PORTE DI SION

GLI ANGELI, UN PONTE TRA EBRAISMO E CRISTIANESIMO

DI PADRE FRÉDÉRIC MANNS OFM | gennaio-febbraio 2011

In un mondo dove il telefonino ha rivoluzionato i rapporti tra gli uomini, ha ancora senso credere agli angeli? O sono solo un retaggio delle culture mesopotamiche, semitiche e zoroastriane? Culture nelle quali l’uomo era ancora bloccato dalle paure e interrogava i cieli stellati alla ricerca di un segno soprannaturale?
Riflettiamo un secondo. Se, in nome della cultura postmoderna, cancellassimo gli angeli, cosa rimarrebbe del vangelo dell’infanzia di Gesù o della Bibbia stessa? Il Vangelo di Luca presenta gli angeli all’inizio e poi alla fine della vita di Cristo. L’angelo appare a Zaccaria in Luca 1, 11 e alle donne che scoprono la tomba vuota di Gesù un angelo dice: «Non è qui, è risorto» (Lc 24,6). È un angelo che annuncia a Maria la nascita del Salvatore (Lc 1,26-38). Ai pastori appaiono gli angeli (Lc 2,8-15). Un angelo rassicura Giuseppe (Mt 1,20), gli chiede di partire per l’Egitto (Mt 2,13) e poi di tornare in Galilea (Mt 2,19-22). Si tratta solo di poesia o di qualcosa di più serio?
Già nel libro della Genesi appaiono esseri misteriosi. Dopo il peccato di Adamo e di Eva, «Dio scacciò l’uomo e pose ad Oriente del giardino di Eden i cherubini e la fiamma della spada folgorante per custodire la via all’albero della vita» (Gn 3,24). Gli angeli intervengono continuamente nella Bibbia. Ricordiamo solo alcuni episodi tra i tanti: due angeli del Signore si presentarono a Lot per salvarlo della distruzione di Sodoma (Gn 19,1); nel libro dei Giudici un angelo appare alla moglie sterile di Manoah per annunciargli la nascita di colui che li salverà dai Filistei (Giudici 13,3-7), nel libro di Zaccaria un angelo compare al profeta per dargli delle istruzioni da parte di Dio (Zc 1,8-15).
Nella tradizione ebraica gli angeli furono creati il secondo giorno della creazione, giorno che non contiene la frase ricorrente «E Dio vide che era cosa buona», perché alcuni angeli si ribellano a Dio. Il trono di Dio è circondato da quattro angeli: Gabriele, Michaele, Raffaele e Uriele. Un esercito celeste sta intorno a Dio. Il libro di Ezechiele, nella descrizione del carro di Dio, menziona i cherubini, i viventi e gli Ofanim (Ez 1,4-28). Ognuna delle settanta nazioni esistenti, secondo Genesi 10, possiede un principe angelico che la protegge. Gesù, figlio di Israele, s’inserisce in questa tradizione: non bisogna scandalizzare i piccoli, perché i loro angeli contemplano il volto di Dio (Mt 18,10).
Compito primario degli angeli è quello di onorare Dio e di presentare agli uomini la volontà del Creatore. Sono dotati del dono della profezia e recano benedizioni secondo il volere di Dio.
Nelle sue omelie sul Vangelo di Luca, parlando della moltitudine dell’esercito celeste che si unisce all’angelo di Dio, Origene si chiede: «Chi erano gli angeli che hanno raggiunto l’angelo del Signore?». La risposta viene offerta dalla tradizione ebraica. Erano gli angeli delle settanta nazioni che ritenevano che, con la nascita di Gesù, il loro lavoro fosse finito, gli uomini diventati fratelli, le nazioni unite e le frontiere abolite. Per questo gli angeli annunciano ai pastori di Betlemme: «Oggi per voi è nato il Salvatore, quello che farà di tutte le nazioni l’unico popolo dei figli di Dio».
La presenza degli angeli nei Vangeli sottolinea l’ambiente ebraico che ha dato forma al Nuovo Testamento. E per questa ragione il Natale, anche nel nome degli angeli, dovrebbe diventare la festa dell’amicizia ebraico-cristiana.

Publié dans:ANGELI, DOCENTI (miei) |on 1 octobre, 2014 |Pas de commentaires »
1234

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...