Archive pour le 4 juin, 2008

GRACEBOW ROM 5, 17 – non trovo la traduzione non capisco…

Romani 5 parla della caduta dell’uomo e della grazia di Cristo; l’immagine però è molto bella, se qualcuno capisce il significato della parola inglese me lo fa sapere? grazie

http://www.artbible.net/Jesuschrist_fr.htm

 

GRACEBOW ROM 5, 17 - non trovo la traduzione non capisco... dans immagini per contemplare 20%20MONSMART%20GRACEBOW%20ROM%205%2017

qualche pensiero su San Paolo (interrotto in continuazione)

ho avuto, ho, un po’ di influenza, un bel po’, con questo tempo che cambia in continuazione; sto lavorando sul mio Blog su San Paolo, oltre che sugli altri, non è facile e si fatica un po’: studiare, tradurre dal francese – ci sono molti bei scritti su Paolo – cercare di recuperare un po’ di greco ed ebraico  – il latino faccio finta di saperlo, faccio finta con me stessa cioè; la cosa più bella è che, sì, Paolo ha scritto diverse lettere, poi ci sono gli Atti degli Apostoli, ma non è certo una biblioteca, eppure non basta mai di leggerlo, ci trovi sempre qualcosa di nuovo;

un uomo appassionato, un uomo concreto, un uomo di fede vera, solida, che non è stata intaccata da nulla,

 uffa!!!

mi sono dovuta interrompere per « fare compagnia al micio che voleva mangiare con me » perché da solo non mangia e questa abitudine non gliel’ho data io, ecco!

insomma mi sembra come di avere trovato un tesoro, come il tesoro nascosto del vangelo, quello prezioso, non è nascosto Paolo eppure un poco lo è, da una parte perchè non si riesce ad entrare subito nella profondità della sua fede;

uffa!!!

adesso mia sorella va a dormire, NOTTE!!!!! notte!!!! (faccio anche la voce del micio, scema! );

vedo se riesco a finire il discorso, Paolo è sempre presente, in modo semplice, delicato, non ingombrante, so che è qui con me, ed in fondo non è una cosa straordinaria per chi crede pensare che un santo sia vicino a noi, eppure è straordinario per Paolo, si mette come accanto, ha pazienza, anche se mi interrompo per fare qualcosa – tipo dare retta al gatto - mi aspetta, come mi sono rimessa seduta l’ho ritrovato accanto a me, dentro di me, quella sorta di pace e di gioia che va al di là delle preoccupazioni di questo momento, della tosse, dell’influenza, di quelle cose naturali che si vivono e, normalmente vanno oltre la preghiera, qualche volta anche un bisogno fisiologico la interrompe, eppure lui mi aspetta, so che è qui, che non si stanca di me;

insomma io non voglio fare di più che un « picolo Blog », ma quando si parla di Paolo, mi sembra, che niente è piccolo;

Publié dans:cose belle, riflessioni, santi, speranze |on 4 juin, 2008 |Pas de commentaires »

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...