Archive pour le 2 octobre, 2007

ecco una delle immagini era questa, ore 10 pm l’ho scritto io copiando dal sito, ora non ho il nome del sito, se qualcuno riconosce la foto metto volentieri il link

alaskasolealle10pm1.jpg

Publié dans:immagini |on 2 octobre, 2007 |Pas de commentaires »

tanti pensieri, tanto sperare in un momento in cui non mi sento bene

ho aspettato di avere un po’ di tempo per scrivervi, ma oggi che posso ho la testa confusa e non mi sento bene non riesco a fare tutto quello che vorrei, ma forse sono perfezionista;

ho passato due giorni sabato e domenica in uno stato di calma e serenità che quasi non conoscevo più perché le sofferenze di questi ultimi anni mi hanno soffocato molto anche se la preghiera non è mai mancata, ma, soprattutto, non  è mancato lo « Spirito » che  dona la preghiera, come dice San Paolo, devo andare dal medico, non sono più sicura che il cuore stia a posto, ma niente di grave, e poi ci si abitua;

o fatto diverse cose, ma ora mi sfuggono, c’è qualcosa che, certo, avete notato, che sto appassionandomi alle terre del sole di notte, certo le immagini sono belle, tuttavia credo che ci sia da parte mia qualcosa di più, un desiderio di trovarmi in un altro luogo, uno diverso, non perché non ami più la mia Roma, ma perché mi sembra che qualcosa della vita sia passato definitivamente e cercassi, oramai, una via per il cielo;

un sole strano ed affascinante che cammina all’orizzonte senza mai alzarsi, e una notte fatta di luce semidiurna, poi altre diversità, ma il testo che sto leggendo è in inglese e, quindi faccio un po’ di fatica a leggerlo, mi ci vuole un po’ di tempo, c’è un immagine che ora vi posto (ossia quando ritrovo l’immagine con la citazione sotto dell’ora)  che sembra una luce serale, un sole non ancora sceso, ma non è così, è notte;

è come cercare Dio, credo, ho bisogna di una felicità diversa, di una gioia diversa; nella notte della Pasqua un testo, credo di Isaia, scrive, circa: le cose vecchie sono passate, ecco ce ne sono di nuove, non le vedi? è uno scritto pieno di speranza ed io credo di trovarmici nella speranza, ma anche la speranza è nuova;

mi accorgo anche, anche se attraverso queste piccole cose: immagini, scritti,  di quanto una persona, io, si chiuda nel proprio mondo, nella propria geografia e spesso dimentica la storia, e ci si dimentica degli altri luoghi del mondo spesso, geograficamente e astronomicamente diversi; forse Dio stesso ci ha donato una luogo e una storia dove ritrovarsi, una casa, ma mi domando se da adulti o da vecchi non siamo chiamati a scoprire un mondo nuovo, i mondi nuovi che Dio ci ha dato su questa terra, a riscoprire quel cielo, pieno di stelle, che noi, almeno in città ,non vediamo quasi più, vi ricordate quel dipinto di Van Gogh pieno di stelle incredibilmente belle e grandi, davvero vedevano le stesse, tante, belle e grandi, d’altronde tutte le civiiltà antiche si basavano per molte cose della loro vita sul movimento delle stelle, la nostra « moderna » civiltà le ha perdute, mandiamo dei « cosi » sulla luna, su marte, sugli altri corpi cleesti e noi rimaniamo chiusi nei nostri laboratori a studiare il microcosmo e a non vedervi Dio;

Publié dans:stranezze |on 2 octobre, 2007 |Pas de commentaires »

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...