Archive pour juillet, 2007

i miei gatti neri; i primi due

oggi vi voglio raccontare dei miei gatti, sì, in effetti ho una storia particolare con i gatti; la prima volta nella vita ero piccola, ma non ricordo che età avessi, nelle scale di casa (la prima perché ne ho cambite molte, anche di queste vi devo raccontare) ci buttarono due gattini piccoli piccoli, tutti e due neri come la pece; che potevamo fare? li abbiamo adottati, sono cresciuti un po’, ma due non potevamo tenerli, così abbiamo detto a nostro zio se poteva prenderne uno, lui lo portò a Velletri dove lavorava, e ci disse per nostra consolazione (?) che era il terrore dei gatti della cittadina;

si chiamava, ossia lo chiamammo , « Cici Mici », che divenne un nome proprio dal vezzeggiativo che usavamo per chiamarlo; era un gatto intelligentillissimo, non ricordo tutte le cose straordinarie che faceva; la cosa più curiosa e divertente accadde un giorno quando stavamo cambiando canale alla televisione, era ancora di quei televisori che bisognava girare la manopola per cambiare, un po’ come le radio, e faceva rumore ogni volta che si prendeva un canale – come fanno le radio – ad un certo punto, evidentemente stufo, si avvicinò e con la zampetta battè più volte sulla mano di mia sorella che stava facendo quella manovra, incredibile gli dava fastidio il rumore non continuo! un altra volta, ma ce lo siamo voluto noi, saltò sulla gabbia che conteneva un ucccelletto, ossia, noi avevamo in quel momento un uccelletto, mi sembra un Verdone » e stata attaccato, come si usava allora, alle persiane che danno fuori sulla strada, Cici Mici, da bravo gatto, gli dava la posta, un giorno saltò sopra alla gabbia, la persiana si chiuse per il movimento ed il gatto sopra alla gabbia con l’uccelletto che strillava come un addannato si trovarono attaccati, sì, alla persiana, ma sulla strada, noi, per fortuna stavamo arrivando e siamo corse su, per tirare giù il gatto e titare su (di morale) l’uccelletto; mi ricordo una cosa della quale mi pentirò sempre io gli ho menato in modo che non lo facesse più, infatti non l’ha fatto più e mi ha perdonato, non ricordo più molte cose, ma loro gatti sanno amare, mi venne a morire in braccio;

il secondo gatto naturalmente era nero lo chiamammo « Kikko » in onore ad una persona che stimavamo e che…mah!; lo prendemmo noi da una cucciolata di gatti randagi, era enorme, extra large, in quella casa avevamo un giardinetto, lui usciva (non l’avevamo castrato) e andava per le sue avventure amorose, poi ritornava tutto graffiato, ridotto male ma felice, il quartire, che io ricordi, si riempì di gatti neri, tutti uguali a lui, poi cambiammo casa per altri motivi, ma avevamo l’assillo che un giorno tutti quelli del quartiere ci avrebbero riportato tutti i gatti neri della zona; anche lui ebbe almeno una « avventura » particolare: eravamo andate in villeggiatura in un paese sull’appennino, scendendo dalla macchina il « bestione » scappò dalla gabbia e se ne andò girando per le montagne intorno per circa 12 giorni, non speravamo di ritrovarmo, speravamo, almeno che stesse bene; un giorno dei ragazzini ci dissero: abbiamo  visto Kikko, la mattina presto scende a mangiare perché una signora mette fuori della porta un piatto per gli altri gatti (che in quel periodo che era libero il gatto nostro non avranno mangiato), ma noi non speravamo che fosse veramente lui; un giorno ci chiamarono di corsa: c’è Kikko! c’è Kikko!, siamo scese dalla casa dove stavamo e sono corsa dove mi indicavano i ragazzi, ERA PROPRIO LUI; aveva indosso ancora il collare che gli avevamo messo ed il guinzaglio perchè alcuni gatti lo sopportano, era dimagrito, ma lucidissimo, lo chiamai più volte, mi aveva riconosciuto, ma aveva paura, poi si spostò sotto un albero, allora io quatta quatta, a mo’ dei soldati che camminano per terra braccia e ginocchia, lo raggiunsi piano piano, SI FECE PRENDERE!!! lo portammo a casa, lì al paese, e, mentre ancora cercavo togliergli il collare e soprattutto il guinzaglio, dissi a mia sorella, dato che avevamo comperato proprio quella mattina della carne trita, dissi a mia sorella di prenderla per darla al micio, era parecchia ma se la mangiò tutta, poi gli tolsi gli armametari che aveva, puzzava di pastone per galline (e di galline e i piume di galline, se le sarà mangiate? problema irrisolvibile), era magro, ma non l’ho visto mai tanto lucido e bello, era un gatto strordinario;

quando lo riportammo a casa, dopo qualche anno, stavamo appunto nella casa con il giardino, un giorno tornò con il collo rotto, chiamammo il veterinario, ma non ci  fu niente da fare, qualcuno lo aveva ammazzato con un colpo di Karaté;

abbiamo avuto anche altri gatti e una gattina, erano tanto dolci, ma sopraffatti dalla personalità dei gatti neri anche se noi volevamo bene a tutti;

in realtà non sono più sicura di ricordare le avventeure attribuendole ad un agatto o all’altro, forse quello che hanno ammazzato era « Cici Mici », erano così belli!

ora ho un altro gatto, nero naturalmente; si Chiama Rudy, da Rodolfo Valentino, ma il nome non gliel’abbiamo dato noi, gliel’ha dato la padrona (si fa per dire) precedente, ma  con lui ho una storia particolare, con questo micio che ora dorme sul mio letto, come fa sempre, la racconto un’altra volta;

i miei gatti neri; i primi due dans io e il gatto 36_33_21

Publié dans:io e il gatto |on 3 juillet, 2007 |Pas de commentaires »

bee fa la pecora ed il lupo se la mangia

bee fa la pecora ed il lupo se la mangia dans immagini lupus%20et%20agnus

Publié dans:immagini |on 2 juillet, 2007 |Pas de commentaires »

alla scuola media….ero una peste!

le scuole medie passarono tra momenti di « gloria » e momenti di « impunitaggine » come si dice a Roma, ma forse non solo a Roma; ero cresciuta, ero diventata brava in alcune materie e una frana in altre, cioè: in italiano ero molto brava, la professoressa mi faceva i complimenti, in ginnastica ero brava, la professoressa mi faceva i complimenti, in disegno ero bravissima, la professoressa mi faceva fare tutto quello che volevo;

in m a t e m a t i c a,  e dico MATEMATICA emoticone , non ci capivo assolutamente nulla, quando facevamo i compiti in classe le compagne e i compagni facevano degli eleborati lunghi, a me sembrava di risolvere il problema con poche operazioni, naturalmente era sbagliato, ma io non ho mai saputo il perché, fare i conti è ancora la mia ossessione;

UN GIORNO  la professoressa mi chiamò alla lavagna, stavo cercando di spiegare il mio compito, ossia stavo cercando di imbrogliare, la  docente mi domandò qualcosa che, naturalmente non capii, ed il seguito della discussione si svolse esattamente così:

io: mbè?

professoressa: mbé fa la pecora!

io: ed il lupo se la mangia!

seguito del racconto: infuriata della docente e seguito dalla preside che tuttavia non ricordo se fece qualcosa o no anche perché ero spalleggiata in tutto dalle tre professoresse suddette, insomma ero un peste; ogni tanto con le compagne uscivamo furtivamente da scuola, si diceva « fare la sega », ma si può scrivere? beh mi ricordo un paio di imprese, la più divertente:

andavamo a scuola sia la mattina che il pomeriggio perché non c’erano abbastanza aule, naturalmente al pomeriggio bisognava accendere la luce, un giorno c’era il compito di italiano, io andavo bene e non avevo problemi, ma alcune compagne avevano paura, allora che feci, CHE FECI? poiché ero figlia di un elettricista sapervo come fare: svitai con un cacciavite la protezione sulla presa della luce e staccai i fili di collegamento poi richiusi, allentare le lampadine l’avrebbero scoperto subito, il compito in classe non fu possibile farlo, i professori non riuscivano a trovare il guasto, dopo una settimana DICO UNA SETTIMANA! chiamarono l’elettricista che scoprì il problema, ma a me non arrivarono (era troppo complicato per una ragazzina di 12 anni), mi sono sempre sentita orgogliosa di quello che avevo fatto….eeehhhhhmmmm!  emoticone 

la seconda marachella veramente fu un po, almeno pericolosa, una compagna aveva dimenticato, non ricordo, forse il vocabolario a casa per il compito in classe, disse che  a casa non c’era nessuno, ma che la finestra dell’appartamenteo era aperta, andammo, c’erano due balconi contigui con l’appartamento vicino, ma il collegamento tra i due era solo il bordo di marmo esterno, stavamo al 5° piano, io passai da un piano all’altro entrai ed aprii alla compagna, prendemmo il vocabolario e tornammo a scuola, di questo fatto però non mi vanto perchè fu molto pericoloso, pensando alla mia famiglia mi viene ancora un brivido, ma dove avevo il cervello? (dove ce l’ho ora?) emoticone

alla scuola media....ero una peste! dans giovanetta 36_11_6

Publié dans:giovanetta |on 2 juillet, 2007 |Pas de commentaires »

ho trovato questa foto di pomodori con il riso, chissà se si è andato a nascondere lì il nostro « pomodoro fantasma? »

ho trovato questa foto di pomodori con il riso, chissà se si è andato a nascondere lì il nostro

Publié dans:cose sceme |on 1 juillet, 2007 |Pas de commentaires »

tag « cose sceme » : il « pomodoro fantasma »

allora, stavamo, io e mia sorella, cucinando i pomodori con il riso, eravamo giovani e ci stavamo divertendo, una volta prendevamo per questo piatto pomodori grandi e molto rossi – adesso li prendiamo un po’ più verdi – allora svuotati i pomodiri, preparato il riso con il condimento e la parte del pomodoro svuotata dal pomodoro, (come descrivo la cucina io…) abbiamo rimesso, con molta precisione, i pomodori così preparati, nel contenitore da forno, li abbiamo accuratamente cotti, una volta arrostiti li abiamo tirati fuori e, con grande nostra soddisfazione erano venuti molto bene;

li abbiamo portati in tavola, quando siamo andati a prenderli con la paletta adatta ci siamo accorte che un pomodoro con il riso non esisteva più era rimasto solo il riso, ben compatto e cotto, ma il pomodoro non c’era, abbiamo guardato sul fondo della teglia per vedere se si era sciolto nell’olio, no! abbiamo ricontato i pomodori per vedere se avevamo fatto un errore, no! abbiamo guardato in cucina per vedere se avevamo messo il riso in uno degli spazi senza il pomodoro, ma il numero corrispondeva, quindi, no! il pomodoro svuotato con il relativo cappello erano entrati nel forno e, all’uscita era letteralmente svanito nel nulla, a tavola c’erano anche i zii, noi abbiamo cominciato a ridere come matte dicendo che avevamo visto il fantasma di un pomodoro, insomma è rimasto uno degli episodi più divertenti (e scemi) della nostra gioventù;

anche queste cose fanno parte della vita, non ci sono solo cose serie ed importanti, ma anche quelle un po’ cretine, no?

tag

Publié dans:cose sceme |on 1 juillet, 2007 |Pas de commentaires »
123456

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...