ma da quendo è entrata (è voluta entrare) in casa mia, nella mia stanza, mi sento più felice, in compagnia di Maria e del bambino

Vi devo raccontare una cosa che mi è accaduta ieri e che mi fa’  pensare che Dio mi sta accanto e che mi benedice insieme a Sua Madre; Vi avevo raccontato, credo, di aver comperato una madonnina della quale vi ho messo l’immagine, perché avevo un’icona davanti alla quale non riuscivo a pregare, ero andata ai negozi vicino San Pietro e avevo scelto una madonnina, la più dolce, con il viso appoggiato a quello del bambino, ha un’aureola d’oro con la scritta: « Mater Bonii Consilii ora pro nobis », mi sembrava di averla vista, ma non ricordavo dove, a Roma poi..; tornata a casa controllai questo titolo su internet e scoprii che era la Madonna della famiglia degli agostiniani e che, ripensandoci, l’avevo vista alla Chiesa di Sant’Agostino dove vado abbastanza spesso perché – è difficile  trovare un termine – diciamo amo Sant’Agostino;

volevo portare l’immagine a benedire alla Chiesa di Sant’Agostino, ma vicino casa c’è un monastero di Clarisse agostiniane, la Chiesa è conosciuta tra le più antiche: « SS Quattro Coronati al Laterano », così ho pensato di farla bendire lì essendo le suore dell’ordine agostiniano; ho messo l’immagine della Madonna in una busta di plastica e poi dentro la borsa-zainetto e l’ho portata in Chiesa chiedendo alle suore di farla benedire; devo dire che le suore le conosco un pochino perché la chiesa non è lontana da casa mia, con le suore, poi, abbiamo già parlato un poco tempo addietro, hanno mantenuto il carisma iniziale del silenzio e della preghiera, ma non sono chiuse in se stesse, anzi, c’è un’apertura che va al di la del loro colloquiare e della loro pastorale, la Chiesa è, infatti,  sempre piena;

insomma gliel’ho data, il sacerdote ha celebrato la messa e poi è rientrato nella sacrestia che si trova all’interno del monastero, una suora gli ha portato la mia immagine ed altre suore l’hannno seguita, è passato un po’ di tempo che mi è sembrato lungo, poi le suore sono uscite ed una, riportandomi l’immagine della madonna mi ha detto che il sacerdote aveva fatto una « bellissima » benedizione, io non ho indagato sul…che cosa…avesse detto il sacerdote, ma sono stata molto contenta perché già l’acquisto non programmato di una madonna onorata dall’ordine agostiniano mi era sembrato un dono del cielo, e così mi è sembrato un dono questa benedizione sconosciuta;

ho rimesso la madonnina nella mia borsa e sono uscita per tornare a casa, essendo uno zainetto la portavo sulle spalle ed ho avuto l’impressione di sentirmi chiamare a portare sulle spalle il Signore, ma non tanto la croce, ma il piccolino in braccio alla mamma, non so ancora cosa vuole dire, ma da quendo è entrata (è voluta entrare) in casa mia, nella mia stanza, mi sento più felice, in compagnia di Maria e del bambino, non so, forse anche come una finestra aperta verso il cielo, un dono di grazia, che mi spinge in alto ed intorno, a pregare nel silenzio e parlare del Signore, un po’ come le suore, lo trovo infinitamente bello se comprendo questo dono, è un po’ come essere in una cella monastica sotto al cielo come San Francesco, un pregare da sola ed un essere pienamente nel mondo;

è una chiamata per me? una ancora dopo tante altre? una per questo tempo in cui gli anni della mia vita stano cominciando a diventare tanti? forse, in ogni caso abbandono tutto a Dio e spero di ricominciare a cantare al Signore « un canto nuovo » come dice il Salmo, sì un canto nuovo perchè il Signore mi fa camminare su strade che non conosco, ma nello stesso tempo mi riconduce nella Dimora ossia in lui;

Publié dans : oggi |le 7 juillet, 2007 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...