a Natale facevamo il presepio

a Natale facevamo il presepio,  l’abbiamo sempre fatto fino ad oggi, una volta i personaggi erano piccoli e ci si metteva intorno un paesaggio, spesso quello di Roma, i più bravi partecipavano ai Concorsi dei « Presepi Romani » ed esiste ancora, io facevo il presepio con la carta roccia, mettevo i personaggi e le luci le metteva Papa, ero tanto contenta, poi uno zio che faceva dei bei presepi nella sua parrocchia mi disse che i miei non valevano niente, ma io avevo 11-13 anni che ricordi, ci rimasi molto male anche perché non si poteva fare un confronto;

poi, tutto sommato, quando ho rivisto da grande i presepi di mio zio mi sono sembrati freddi, era ben ricostruito un angolo di Roma, ma i personaggi sembravano messi in più, insomma il Natale sembrava secondario, mica che voglio essere cattiva, però, certo…;

poi mio zio faceva l’invito a pranzo a tutti i membri della famiglia, quelli stretti, faceva molte portate, associava i vini con la portata, poi ci scambiavamo i regali, non so perchè anche se li sceglievamo con cura quelli della mia famiglia non andavano mai bene;

tuttavia io rimanevo incanta davanti a certi presepi, c’era quello alla Basilica di Sant’Andrea della Valle che mi incantava, avevano costruito come un percorso in salita verso Dio ed intorno ci stavano gli angeli,  non so se quello che fanno oggi riprende anche in parte quello di allora;

poi a Roma c »era la tradizione che a Santo Stefano si visitano i presepi delle altre chiese ed allora il programma della giornata era fatto, qualche volta andiamo ancora a vedere i presepi delle chiese vicine, alcuni sono molto belli, sono migliorati da qualche anno, c’è stato un periodo che – non so a chi li avevano messi in mano  – ma i presepi sembrano quasi degli incubi, sogni della notte quando si è mangiato troppo, oppure orripilanti, in quel periodo, non sono molti anni, eravamo un po’ tristi, poi, credo, non sono sicura, che sia arrivato un ordine dall’alto, forse il Cardinale Ruini, ed i presepi sono tornati ad essere presepi, oggi molti cercano di ricostruire la stalla così come poteva essere o così come potrebbe essere oggi con gli attrezi da contadino, lumi antichi ecc;

non mi sono mai piaciuti i presepi napoletani, pieni di gente, lo sono che sono apprezzati, ma non mi piacciono, dovrebbero essere in teoria, credo, la nascita del bambino nel tempo presente con i problemi ed i personaggi attuali, ma c’è troppa gente, non corrisponde con il racconto della nascita di Gesù;  però se piacciono…;

c’è stato un periodo abbastanza recente che sembra che il presepio fosse tramontato, che non si facesse più, che era una cosa popolare, poi anche questo periodo è passato, addesso ritorna a fare il presepio anche su invito dei Vescovi di zona, gli stranieri spesso vanno a Piazza Navona che è ancora tutta piena di banchi a Natale (ma una volta c’erano più personaggi per il presepio, oggi ci sono più giocattoli, non che sia male, però…), insomma gli stranieri spesso comperano un presepio già fatto e se lo portano anche in nazioni lontane;

oggi, come ho detto ci sono meno personaggi e più giocattoli, però hanno aggiunto una giostra, autentica del 1800 mi sembra proveniente dall’Austria, se ricordo bene, con delle belle musiche, quelle allegre delle bande austriache, qualcosa francese, cioè un vero classico repertorio « da giostra »;

molti genitori ci portano i bambinini, però qualcosa mi sembra cambiato, forse manca l’entusiamo, magari c’è l’allegria, oppure sono io che sono cambiata, cioè sono cambiata sicuramente;

ho fatto qualche foto a Natale passato sia al mio presepio sia a quello delle chiese vicine (ci sono anche io ed io mio gatto, ma non dentro al presepio vicino l’alberto di Natale che oramai si fa tutti anche da noi;

le organizzo e poi posto qualche foto;

notte;

Publié dans : giovanetta |le 27 juin, 2007 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...