mamma era Sarta io ero una…smerd…

allora dove ero arrivata? così a memoria alle mie prime avventure da piccola, piccola tempesta, dovrei scrivere qualcosa su Mamma credo, mamma era una sarta, una brava sarta, nei tempi migliori faceva anche vestiti da sera; poi i modelli li faceva lei con un giornale, sì con un giornale aperto, un quotidiano, poi prendeva una matina faceva dei segni e voilà, la traccia del vestito; poi quando una cliente le era simpatica la teneva, quando le era antipatica la mandava via, aveva una Singer una delle prime;

fece anche i nostri vestiti di bambine e giovannette, fino a che non sono arrivati i vestiti confezionati, ci insegnò a cucire, tagliare, ringiovanire i vestiti, perché sì in quel periodo un vestito vecchio non si buttava, si risistemava, i paletot quando erano un rovinati si rovesciavano, si risparmiava e poi si poteva fare perché, tutto sommato, le stoffe erano più buone; mi ricordo che fece i primi pantaloni del dopoguerra per una donna, ce ne sono state altre sicuramente, ma io ricordo che nel mondo dove vivevamo noi non si usava ancora, portavamo tutte le gonne;

insomma venne una cliente, una donna giovane con un paio di jeans, e chiese a mamma di sistemarli per lei, mamma le chiese se voleva mettere (almeno) la chiusura lampo sul fianco e con grande meraviglia di mamma la ragazza la volle lasciare dove si trovava, ossia nel mezzo, problemi di un tempo passato!

sempre per rimanere in tema, mamma diceva, quando io l’aiutavo nella cucitura di qualche abito, che lavoravo pulito, ossia non lasciavo le tracce della cucitura, insomma levavo sempre i fili superflui ecc.

tra le varie cose mi capitò di fare la solita gaffe di bambina, non avevamo molti soldi e dovevo andare da una persona importante (ma non ricordo chi era) a mamma sembrò che i vestiti che avevo non erano degni di questa visita e,  in quattro e quattr’otto, fece un vestito nuovo per me, andammo a fare questa visita e io, (pensando di far bene nella mia incoscenza di bambina) dissi: « Mamma mi ha fatto questo vestito ieri in poche ore », fu uno smacco, quando uscimmo mi dissero pari, pari:  » sei la solita si capisce vero?

ma come vengono facilmente alla memoria gli episodi che normalmente non si dimenticano!emoticone

Publié dans : inizi |le 25 juin, 2007 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...