storie di guerra e di pipì

Quando ero piccola sentivo ancora le truppe che passavano vicino casa, non so a quali anni risalgono i miei ricordi, non so se c’era paura, ma creo di si e molta, ma io ero piccola, quando gli americani bombardarono Roma « Città aperta » noi, che abitavamo vicno a Largo Argentina, e tutti quelli che abitavano li intorno si rifugiavano negli antichi scavi romani, che sembra, nella storia, abbiano retto tutto; mia sorella si ricorda un poco queste « fughe », io no; l’unica cosa che mi è stata raccontata è un fatto che mi riguarda in parte: era suonato l’allarme e erano tutti pronti per andare al rifugio (scavi), nostra zia che in quel periodo stava con noi aveva me in braccio, ma stava al bagno (come avrà fatto?) e tutti che la sollecitavano a far presto, cosa che sarà stato difficile fare; Embarasse

 dei primi anni poi mi ricordo che, una sera, credo tardi, ma non so l’ora, Papà e mamma ci presero e andammo frettolosamente a casa di zia, forse c’era qualcosa, ma non sono in grado di ricostruire, non so se erano i bombardamenti, forse non li posso ricordare; insomma ci misero, me e mia sorella dentro un lettino di quelli antichi con i bordi alti, per scendere bisognava uscire dal bordo esterno e fare uno scalino, io, la solita piccola impiastro, dovevo fare pipì durante la notte, mia sorella dormiva vicino a me, non volli svegliarla per aiutarmi, e allora compii l’impresa,  mi arrampicai sul bordo scesi lo scalino feci pipì e risalii e mi rimisi a letto vicino a mia sorella, quanto mi sentivo brava! emoticone

 tanto per rimanere in tema, ero un po’ più grande perchè lo ricordo, la pipì la facevamo ancora nel vasino, io poiché ero la solita tempesta (e tale sono rimasta credo) un giorno, sapendo che una persona non era simpatica ai miei perché si dava troppe arie, presi il vasino, che in quel momento era pieno e lo rovesciai dalla finestra, dalendo su una sedia, in testa all’uomo antipatico, questi venne su a casa arrabbiatissimo e strillando, ma poi se ne andò perché io ero veramente troppo piccola, i miei non mi rimproverarono, chissà perché? emoticone

ci sono altre « imprese che feci quando ero bambina ma già vanno avanti negli anni alle scuole elementari e medie, ma un po’ per volta peròemoticone

Publié dans : inizi |le 24 juin, 2007 |Pas de Commentaires »

Vous pouvez laisser une réponse.

Laisser un commentaire

mes envies, mes faiblesses,... |
c'est une crevette !!! |
el mondo apocalipticodramat... |
Unblog.fr | Créer un blog | Annuaire | Signaler un abus | Un coeur à toi pour toujours
| etreunevraie
| Juste pour moi car écrire c...